Raccolta delle olive con i ragazzi diversamente abili

raccolta-olive-disabili

MASSA LUBRENSE. Il primo dicembre è stata organizzata una bellissima giornata insieme ai ragazzi diversamente abili del territorio, promossa dall’assessore alle Politiche sociali, il vice sindaco Giovanna Staiano e dal delegato all’Agricoltura, Francesco Cacace. La raccolta delle olive si è svolta presso il “Castello dell’Annunziata” ed è stata possibile grazie alla fondamentale collaborazione della sede di Massa Lubrense della Coldiretti, presieduta da Anthony Pollio, nonché dei ragazzi del servizio civile e di alcuni volontari.

Il vice sindaco Staiano ha espresso grande soddisfazione: “Abbiamo trascorso una giornata straordinaria e ciò che mi ha colpito particolarmente è stato vedere i ragazzi lavorare con entusiasmo, desiderosi di dimostrarci le loro capacità e la loro buona volontà; ci hanno fatto capire che possono ricoprire un ruolo attivo nella società civile, basta solo saperli motivare e responsabilizzare. Questa esperienza – continua Staiano – certamente non rimarrà un episodio isolato, continueremo a cercare nuove occasioni affinché si possa garantire ai ragazzi diversamente abili la possibilità di misurarsi con il mondo del lavoro e offrire loro occasioni di integrazione all’interno della comunità in cui vivono”.

Anche per il presidente della Coldiretti, Anthony Pollio, al Castello si è svolto un evento speciale: “E’ stato davvero un piacere aver partecipato a questo progetto comune, mettendo a disposizione tempo e conoscenze acquisite in tanti anni di passione per la terra. Quest’esperienza – evidenzia – ci ha fatto riflettere sull’enorme valore delle cose semplici, su tanti aspetti della quotidianità che spesso trascuriamo”.

“L’agricoltura rappresenta una risorsa ed un valore fondamentale per il territorio di Massa Lubrense – afferma il delegato all’agricoltura Francesco Cacace – ed in particolar modo l’olivicoltura ne è fiore all’occhiello. Trasformare l’amore per la terra in opportunità di impegno e svago per i ragazzi disabili può creare una meravigliosa sintesi che genera un valore inaspettato”.