Rabbia Sorrento: il 3 – 0 non basta ad evitare la retrocessione

sorrento-calcio

Il Sorrento sfiora l’impresa nei play out di ritorno della seconda divisione, battendo 3 a 0 l’Arzanese, che si qualifica grazie al 4 a 0 dell’andata.

“Nel calcio può succedere di tutto”, ha dichiarato ieri sera Carlo Ancelotti dopo aver alzato al cielo la sua terza Champions League della carriera, ma questa volta il miracolo (calcisticamente parlando) è stato solo sfiorato. Peccato. Il Sorrento ha dato tutto quello che aveva, ma alla fine il 3 – 0 all’Arzanese non serve ad evitare la retrocessione. Un incubo avveratosi nonostante al campo Italia i rossoneri abbiano giocato una partita dai ritmi infernali.simonelli

La prima frazione è stata condotta in maniera pressoché impeccabile dagli uomini di mister Simonelli. Dopo soli 2 minuti erano già vanti grazie a Maiorino. Il pubblico si scalda e qualcuno inizia addirittura a crederci. Anche se l’impresa sembra ancora lontana. Passano 20 minuti ed Improta raddoppia e corre sotto la curva rossonera: ora il Campo Italia è una bolgia. Prima della fine del primo tempo al ’41 è lo stesso Improta a mettere in porta la palla del 3 a 0 tra l’entusiasmo dei tifosi rossoneri che non credono ai loro occhi. Ora l’impresa sembra a portata di mano.

L’arbitro manda tutti negli spogliatoi, mentre dagli spalti le grida esortano i ragazzi di Simonelli a non mollare.

L’Arzanese resta in 10 per l’espulsione di Patti al ’46, ora manca solo il colpo del ko.

Il Sorrento è stanco, ma con la forza della disperazione prova a buttare dentro la palla qualificazione. La porta dell’Arzanese, però, sembra stregata ed il gol del poker che significherebbe qualificazione alla finale non arriva fino al ’90. Un vero peccato retrocedere così.

L’Arzanese la settimana prossima affronterà il Tuttocuoio nella finale play out.