Prevenzione incendi, varata l’ordinanza

incendio-sterpaglie

MASSA LUBRENSE. Il sindaco Leone Gargiulo ha emanato un provvedimento che impone una serie di limitazioni all’accensione di fuochi per prevenire il rischio di incendi. In particolare l’ordinanza stabilisce in tutto il territorio comunale, dal 15 luglio al 31 agosto, è vietato bruciare potature e sfalci. Riguarda invece l’intero arco dei 12 mesi il divieto di accendere fuochi entro una distanza di 100 metri dalle case e dalle strade, di bruciare i rifiuti ed anche di accendere bracieri e barbecue in aree pubbliche.

Il dispositivo stabilisce anche che fino al 30 settembre è vietato bruciare stoppie, divieto che resta in vigore oltre tale data in caso di forte vento. Stop all’accensione di fuochi nei boschi ed anche entro il limite di 50 metri. Nel periodo compreso tra il 15 giugno ed il 30 settembre tale limite viene portato a 100 metri ed allo stesso tempo scatta il divieto di fumare. Nelle stesse aree boschive del Comune di Massa Lubrense che siano state interessate da incendi, per 5 anni è vietato il pascolo del bestiame, la caccia, la coltivazione e la realizzazione di opere edili.

Prevista, inoltre, la pulizia e la cura dei boschi in modo da evitare combustioni spontanee di arbusti e sterpaglie. Intorno alle zone boschive deve poi essere realizzata una fascia di rispetto per una larghezza di almeno 10 metri rispetto alle strade ed ai sentieri con l’eliminazione di fogliame e sterpaglie.

Il provvedimento del sindaco Gargiulo impone anche ai proprietari dei fondi abbandonati di provvedere alla loro pulizia per evitare infestazioni di insetti nocivi per la salute umana.