Premio Paolo Leonelli di Sorrento, i vincitori per il 2018

paolo-leonelli

SORRENTO. È in programma venerdì 23 novembre, alle ore 20, nella sala del Teatro Tasso a Sorrento, la terza edizione del Premio Paolo Leonelli dedicato al benemerito avvocato sorrentino prematuramente scomparso nel 2009. Pittore, musicista, attore teatrale, Paolo lega il suo nome anche alla pratica sportiva del ciclismo, coinvolgendo in questa sana e sacrificata disciplina centinaia di appassionati e, soprattutto, il mondo dei giovanissimi: infatti, dal 1996 al 2001, presiede la società sportiva Velosport Sant’Agnello con cui organizza la “Granfondo dei Monti Lattari” mentre, dal 2006 al 2009, si dedica completamente al ciclismo giovanile (dai 6 ai 18 anni), con la “Associazione Polisportiva Dilettantistica Penisola Sorrentina”.

Il Premio vuole celebrare e raccontare ogni anno quattro personalità – scelte da specifiche commissioni interne all’Associazione organizzatrice – che sono legate alla penisola sorrentina e che ne promuovono la bellezza, la cultura e l’inconfondibile identità territoriale in Italia e nel mondo, ciascuno esercitando il proprio talento nell’arte, nella musica, nel teatro e nello sport.

La cerimonia di premiazione, condotta anche quest’anno dal giornalista e attore Nino Lauro, vedrà salire sul palco a ritirare il premio – ideato da Ciro Ruggiero e realizzato dal maestro Tony Wolfe – il pittore Vincenzo Stinga (sezione arte), il mandolinista e pianista Michele De Martino (sezione musica), il maratoneta Giovanni Ruggiero (sezione sport) e l’attore Piero Pepe (sezione teatro).

Gli organizzatori ringraziano il Comune di Sorrento per la fattiva collaborazione, la Giunta della Regione Campania e i comuni di Massa Lubrense, di Sant’Agnello, di Piano di Sorrento, di Meta, di Vico Equense e di Castellammare di Stabia per il patrocinio morale e quanti hanno garantito il proprio prezioso sostegno: lo studio legale dell’avvocato Thomas Ruggiero, l’Officina 134 sas di Antonino Esposito & C. e la Sc Auto Sorrento.

L’organizzazione del Premio deve la sua riuscita alla passione e all’impegno costante dei componenti della “Apd Penisola Sorrentina – Paolo Leonelli” presieduta dall’avvocato Nunzia Miele e ai numerosi amici di Paolo Leonelli che rendono possibile sul territorio appuntamenti culturali di grande valore e qualità.

Le schede dei vincitori del Premio:

VINCENZO STINGA: nato a Sorrento nel 1939, ha studiato prima presso il locale Istituto d’Arte con i maestri A. Mauro, L. Pane e D. Spinosa e, poi, all’Accademia di Belle Arti di Napoli, con il maestro E. Notte. Trasferitosi a Roma alla fine degli anni 70, opera attivamente nella vita artistica napoletana e romana. In quasi 60 anni di carriera, l’Artista sorrentino di nascita e romano di adozione ha partecipato a numerose mostre collettive ed allestito mostre personali in diverse città italiane e straniere, raccogliendo lusinghieri apprezzamenti, tra cui ricordiamo quelli di Paolo Ricci,
Massimo Bignardi, Dario Micacchi, Gino Grassi, Lorenza Mazzetti, Gianni Toti, Edoardo Cintolesi, Michele Prisco e Bernard Vadon. Ha illustrato libri e racconti su periodici. E’ autore dei disegni per le porte intarsiate del Duomo di Sorrento e ha eseguito numerose decorazioni in chiese, in edifici pubblici e privati in Italia e in Francia. Quest’anno lo ha visto autore de “La banda di maggio – Racconto sorrentino” che “in 96 pagine restituisce ai lettori l’immagine di una Sorrento tra gli anni 30 e 40 incantata, serena e picaresca”.

MICHELE DE MARTINO: nato a Vico Equense nel 1976, vive attualmente a Sant’Agnello e si è diplomato in mandolino con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova e, successivamente, ha conseguito, sempre con massimo dei voti e lode, la specializzazione “ramo concertistico” di II livello al Conservatorio di Napoli, con un concerto interamente dedicato a J. S. Bach. Vincitore del 1° premio assoluto al concorso nazionale per giovani musicisti indetto dall’Associazione Musicale “Napolinova”. Ha tenuto concerti in Francia, Germania, Svizzera, Spagna, Grecia, Inghilterra, Lussemburgo, Portogallo, Albania, Polonia, Corea del Sud, U.S.A., Argentina, Uruguay, Brasile, Egitto, Algeria, Qatar, Libia, Slovenia, Croazia e Serbia. Ha effettuato numerose registrazioni televisive e radiofoniche, per emittenti italiane ed estere. Si è esibito, come solista, con diverse formazioni – quali Orchestra del Teatro dell’opera di Roma, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra del Teatro Verdi di Salerno, Orchestra del Teatro lirico di Cagliari, Orchestra Janacek di Praga etc – e collaborato con Riccardo Muti e Zubin Metha. Dal 1996, collabora con il Teatro S. Carlo di Napoli. In ambito teatrale, ha collaborato con R. De Simone, M. Rigillo e Lina Sastri. Nel biennio 2000-2001 è stato “spalla” dell’Orchestra Giovanile Europea in Italia e in Spagna. Ha, inoltre, conseguito il diploma di pianoforte.

GIOVANNI RUGGIERO: nato a Sorrento nel 1974, è “l’atleta campano dal panorama internazionale” oltre che il più giovane maratoneta italiano a salire sul primo gradino del podio alla giovanissima età di 21 anni. La sua carriera sportiva inizia sulla pista di atletica della Scuola Media” B. Rota” con cui partecipò alle finali nazionali di corsa campestre a Messina, dove i ragazzi – guidati dal prof. Rino Fattorusso – conquistarono il 4° posto a squadre. Seguirono i successi nelle categorie giovanili ottenuti con i colori della Libertas Atletica Sorrento (guidata dal Prof. Guido Paternò) tra cui il Titolo Italiano di mezza maratona Cat. Juniores, conquistato nel 1993 proprio a Sorrento. Dal 1994 a fine carriera (2014), veste i colori della Guardia Forestale di Stato e, per dieci volte, la maglia della nazionale assoluta, conquistando tre coppe del mondo nella maratona a squadre: la prima (oro) nel 1995 ad Atene; la seconda (oro) a Madrid nel 1999 e l’ultima (bronzo) nel 2001 a Edmonton in Canada. Nel 1998 vince la Coppa Europa a Budapest (oro a squadre). A livello individuale brillano la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo a Bari nel 1997 e il 7° posto nel 1998, sempre agli Europei di Budapest. Nel 1995 vince anche la maratona di “Cesano Boscone”, la sua prima apparizione sulla classica distanza dei 42km e 195m. Tra il 2001 e il 2011 vince ancora: 1° CL. Maratona di Napoli, 5° CL. Maratona di Padova, 49° CL. Campionati Mondiali di Mezza Maratona di Udine, 3° CL. Campionati Italiani Mezza Maratona, 7° CL. Mezza Maratona Giochi del Mediterraneo di Pescara, 43° CL. Campionati Mondiali Mezza Maratona di Birningham, 4° CL. Campionati Italiani Mezza Maratona di Polpenazze del Garda, 5° CL Campionati Italiani di Mezza Maratona a Cremona. Nel suo palmares Ruggiero può vantare i primati personale di: Maratona (2h09’53”), mezza maratona (1h02’07”), 10km strada (30’29”), 10000 m (28’53), 5000 m (14’02”).

PIERO PEPE: pietra miliare del teatro partenopeo, muove i primi passi da giovanissimo affiancando i nomi più importanti del 900 italiano, fino a diventare comprimario dei fratelli Giuffrè, con i quali raccoglie consensi e applausi in tutto il mondo (“Natale in Casa Cupiello”, “Il Medico dei Pazzi”, “Questi Fantasmi”) e quando Aldo Giuffrè lascia il teatro, lui continua a lavorare con Carlo e ci regala un’interpretazione toccante e memorabile in “Il sindaco del Rione Sanità”, uno degli ultimi lavori del maestro. Ha calcato il palcoscenico al fianco di nomi del calibro di Luisa Conte e Nino Taranto (con cui esordisce nel 1976 al Teatro Sannazzaro), il compositore e musicologo Roberto De Simone (con cui ha collaborato per cinque anni, da “Gatta Cenerentola” in poi), Eduardo De Filippo, Armando Pugliese, Antonella Steni e Riccardo Garrone, i Fratelli Maggio, Carlo Croccolo, Cochi Ponzoni, Mario Valdemarin, Vittorio Caprioli, Giuseppe Patroni Griffi (che, nel 1994, lo dirige nella celebre “Napoli Milionaria “ nel ruolo di “Settebellezze”, con Isa Danieli). Per il cinema, ha recitato con Massimo Ranieri (in “Napoli Milionaria”, nel ruolo di brigadiere), Sergio Castellitto (ne “Il Professore”), Nanni Loy (nei film “Scugnizzi” e “Pacco, Doppio Pacco e Contropaccotto”), Landi e Mattone (in “Cera una volta…Scugnizzi”), solo per citarne alcuni. L’abbiamo visto anche in televisione in: “Capri 3″, “La Squadra”, “I Cesaroni”, “Un posto al sole”, “Big Ben”, “Il Professore”, “Complotto di famiglia”, “Il ricatto”, “La fuga del generale”, “L’ingranaggio”. Anche attore radiofonico e doppiatore, scrive e presenta testi cabarettistici, radiofonici e teatrali. Amante della formazione dei giovani talenti, oggi dirige l’accademia teatrale “La Nuova Bottega”. Da anni frequenta la Penisola Sorrentina partecipando a varie rassegne di cultura e spettacolo.