Capri Watch fashion & Accessories

Piano di Sorrento. L’opposizione: Nessun confronto in Consiglio

Municipio-PianodiSorrento1

La maggioranza rifiuta il confronto. È in estrema sintesi l’accusa che l’opposizione in Consiglio comunale di Piano di Sorrento lancia nei confronti del gruppo che amministra la città. Nel corso dell’ultima seduta dell’assemblea, infatti, dai banchi della minoranza sono arrivate diverse proposte che però non sono state prese in considerazione.

Il consigliere Salvatore Mare ha presentato una mozione per istituire il question time consiliare, al fine di snellire i lavori dell’aula e nel contempo di fornire risposte in tempi celeri alle interrogazioni. Ad esempio, nel corso della seduta, si è discusso a fine settembre ed a stagione balneare ormai conclusa, un’interrogazione sulle spiagge, mentre non si è ancora riusciti a dibattere di un’interpellanza del novembre dello scorso anno.

“La proposta non ha trovato accoglimento tra i banchi della maggioranza – dicono i consiglieri di opposizione – che evidentemente preferisce sia ritardare i confronti, sia consigli comunale fiume; l’ultimo è finito circa alle due di notte, impedendo di fatto al cittadino di seguire la politica locale allontanandolo dalle istituzioni, giacché se tra gli stessi consiglieri dopo ore di dibattito manca la giusta lucidità, immaginiamo fra gli astanti e spettatori del web”.

Antonio D’Aniello, invece, ha colto l’occasione per ricordare che “la quantità di risorse economiche pubbliche investite a Marina di Cassano, quali porto e alle rampe da realizzarsi, unite all’impegno privato con la passeggiata in fase di realizzazione, non vedono però uno sforzo comune di aggregazione di imprese in un consorzio. Manca completamente la regia pubblica in quelle che potrebbero essere politiche volte all’aggregazione.

La presenza di un consorzio, anche alla luce delle ingenti risorse che arriveranno dall’Unione Europea, potrebbe essere un canale privilegiato per realizzare finalmente il collegamento tra il porto e il resto della città, in modo che i flussi turistici possano essere occasione di sviluppo per tutto il territorio di Piano di Sorrento”.

In conclusione, i due consiglieri lamentano “la totale assenza di confronto, sia in sede di Commissione che Conferenza dei capigruppo, rispetto ai contenuti del bilancio di previsione il quale diventa appannaggio della sola maggioranza”.