Capri Watch, fashion accessories

Per Marco Fiorentino vicino l’addio al Consiglio comunale di Sorrento

marco-fiorentino

SORRENTO. Nel giro di pochi giorni Marco Fiorentino potrebbe essere costretto a lasciare il Consiglio comunale. La Corte d’Appello di Napoli, infatti, ha respinto l’istanza di sospensione della sentenza con cui, a luglio scorso, l’ex sindaco e attuale leader dell’opposizione è stato condannato a restituire al Comune 108mila euro anticipati ai familiari delle vittime della tragedia del primo maggio 2007, quando in piazza Sant’Antonino una gru impegnata nell’allestimento delle luminarie crollò e travolse, uccidendole sul colpo, l’86enne Claudia Fattorusso Morelli e la nuora 50enne Teresa Reale.

Per quella vicenda Fiorentino, che all’epoca era sindaco di Sorrento, è stato definitivamente condannato per omicidio colposo in concorso. La magistratura ha disposto anche il pagamento di una provvisionale di 668mila euro, anticipata dal Comune ai familiari delle vittime. Poi, a luglio scorso, il Tribunale civile di Napoli ha ordinato a Fiorentino di rimborsare all’ente 108mila euro, cioè un sesto della cifra totale. Contro questa decisione l’ex sindaco ha fatto ricorso, aprendo un contenzioso che lo renderebbe incompatibile con la carica di consigliere.

Sul caso si è espresso anche il ministero dell’Interno, il quale ha stabilito che per evitare la decadenza Marco Fiorentino avrebbe dovuto pagare oppure bloccare gli effetti della sentenza del Tribunale ottenendo almeno la sospensione del provvedimento. Eventualità che ora è stata bocciata dalla Corte d’Appello.

Pertanto, nonostante la sentenza di secondo grado sia ancora lontana (la prima udienza di merito è in programma solo per martedì prossimo), adesso il Consiglio comunale può dichiarare la decadenza di Fiorentino dalla carica, con il suo scranno che sarà occupato dall’ex assessore Antonino De Rosa, primo dei non eletti nel 2015. Assemblea che sarà convocata già nelle prossime ore.

Il Consiglio, infatti, a breve sarà chiamato ad approvare il Bilancio, ma prima è necessario risolvere la questione dell’esclusione di Fiorentino. Nel frattempo non si possono escludere ulteriori colpi di scena come il pagamento della provvisionale da parte dell’ex sindaco oppure eventuali ricorsi contro il provvedimento dell’assemblea che stabilirà la decadenza.