Partito il progetto “Sorrento porte aperte alla cultura”

Massimo-coppola1

SORRENTO. Prosegue anche per quest’anno l’iniziativa “Sorrento porte aperte alla cultura”, che fino al prossimo 31 ottobre, accoglierà i turisti per una visita presso la Basilica Pontificia di Sant’Antonino Abbate.

 

Promosso dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Sorrento e dall’associazione Peninsula Felix Giovani, il progetto coinvolge volontari dell’associazione e studenti dell’istituto Polispecialistico San Paolo di Sorrento, che terranno aperto questo importante sito storico e religioso anche durante la fascia di chiusura pomeridiana, dalle ore 12 e trenta alle ore 16, dal lunedì al venerdì.

Nei primi giorni di attività, già si raccolgono i positivi risvolti: i turisti che hanno visitato la Basilica di Sant’Antonino al 31 luglio sono stati 2.852. “Questa iniziativa, nel corso degli ultimi anni ha avuto importanti risultati, aumentando notevolmente l’offerta turistica della città – spiega il consigliere comunale Massimo Coppola, promotore dell’iniziativa –  Permette infatti ai visitatori che svolgono una visita veloce del centro cittadino nel primo pomeriggio, come succedere con numerosi croceristi, di potere ammirare alcuni siti storici di rilevanza primaria per la città di Sorrento che usualmente in quella fascia oraria restano chiusi”.

“Sorrento porte aperte alla cultura – interviene Luigi Di Prisco dell’associazione Peninsula Felix Giovani – è ormai giunta alla sua settima edizione, riuscendo ad ottenere risultati importanti per la città di Sorrento in tutte le sue edizioni. Grazie alla vicinanza dell’amministrazione comunale di Sorrento quest’anno possiamo ripetere questa importante iniziativa che ha permesso nel corso degli anni a tanti giovani di avvicinarsi alla storia e alle tradizioni della nostra città”.

RIPRODUZIONE RISERVATA