Offese una vigilessa di Sorrento, risarcimento e scuse

vigili

SORRENTO. I fatti risalgono ai primi di luglio del 2013, quando un 35enne di Bacoli apostrofò un’agente della polizia municipale di Sorrento che all’epoca prestava servizio con un contratto a tempo determinato. L’uomo, in strada ed alla presenza di più persone, offese l’onore ed il prestigio della vigilessa in quel momento impegnata nell’esercizio delle proprie mansioni. Nei confronti del presunto responsabile del reato la Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha quindi aperto un procedimento penale per l’accusa di oltraggio a pubblico ufficiale.

Ora, la normativa, prevede la possibilità per l’imputato di estinguere interamente il danno con un risarcimento alla parte offesa. In questo caso il 35enne ha proposto una transazione che prevede di versare 500 euro all’agente e la stessa somma al Comune come ente di appartenenza, oltre a presentare contestuali scuse formali ad entrambe le parti.

Proposta di transazione accettata sia dalla vigilessa che dall’ente di piazza Sant’Antonino.