Msc punta sul programma “Rinascimento”: ecco l’Armonia dopo l’allungamento

armonia

Allungata di quasi 25 metri grazie ad un complesso intervento di ingegneria realizzato da Fincantieri a Palermo, la Msc Armonia ha festeggiato ieri a Genova il suo ritorno in mare. “Questo è il primo tassello di un progetto ambizioso, il programma Rinascimento, del valore di 200 milioni di euro che prevede l’allungamento e il potenziamento di quattro navi della compagnia. È il primo passo del nuovo piano industriale da 5 miliardi di euro avviato da Msc (il gruppo che da capo all’armatore sorrentino Gianluigi Aponte) per il potenziamento della flotta” ha dichiarato l’amministratore delegato di Msc Gianni Onorato.

General manager Msc Emilio La Scala durante la presentazione dei lavori

Il General manager Msc, Emilio La Scala durante la presentazione dei lavori nel cantiere di Palermo.

msc2

 

 

Il piano, ha spiegato, comprende anche la costruzione di quattro nuove avveniristiche navi da crociera, due per ogni prototipo, che verranno consegnate tra il 2017 e il 2019, due dai cantieri Stx France e due da Fincantieri, con l’opzione di tre ulteriori navi entro il 2022. “Nel 2004 – ha sottolineato Onorato – le navi Msc Crociere ha trasportato 80.000 viaggiatori durante l’intero anno. Oggi la compagnia è cresciuta dell’800% e i passeggeri sono 40.000 al giorno. Entro il 2022 è previsto il raddoppio della capacità della flotta, il che significa che Msc Crociere porterà in vacanza 3,4 milioni di persone l’anno”. Dopo Msc Armonia gli interventi proseguiranno su Msc Sinfonia (consegna prevista il 12 gennaio), Msc Lirica (maggio) e Msc Opera (novembre 2015).

Tra le novità della nave rinata, oltre al numero maggiore di cabine e scelte tecniche che la rendono più ecofriendly, anche una maggiore scelta e flessibilità nella ristorazione e nuovi spazi dedicati ai giovani ospiti da 0 a 17 anni. I tecnici di Fincantieri hanno lavorato in strettissimo contatto con l’equipe tecnica di Msc, coordinata da Emilio La Scala, con il Rina e con la Maggioli di Parma. Una grande operazione di ingegneria navale tutta Made in Italy, dunque.
La nave partirà domani per una crociera di 10 giorni che si concluderà a Las Palmas, nelle Isole Canarie.