Motoscafo in fiamme a Massa Lubrense

barca-incendiata-massa-lbrense

MASSA LUBRENSE. Mezzi navali impegnati ininterrottamente nel pattugliamento delle coste e tanto lavoro per i militari della Capitaneria di Porto, diretti dal Capitano di Fregata Guglielmo Cassone. Nel tardo pomeriggio di oggi è scattato l’allarme per l’incendio a bordo di un’unità da diporto in navigazione nello specchio acqueo antistante punta San Lorenzo, nel Comune di Massa Lubrense. A bordo il proprietario che dopo essersi gettato a mare è stato salvato da una motovedetta della Guardia Costiera ed è stato accompagnato nel porto di Sorrento in buone condizioni di salute.

Gli uomini della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia, hanno coordinato tutte le operazioni per assicurare in tempi rapidi sia il salvataggio del naufrago e del suo motoscafo sia il rapido spegnimento dell’incendio ed anche la dispersione di carburante in mare. L’unità navale è stata subito intercettata dalla motovedetta CP 532, già in zona per l’operazione “Mare Sicuro 2016” e di conseguenza il naufrago è stato immediatamente recuperato. Alla buona riuscita delle operazioni hanno contribuito i militari imbarcati sulla motovedetta CP 848 dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Capri, personale della Capitaneria e quello della Croce Rossa Italiana del battello pneumatico GC A56, nonché personale della motovedetta dei Vigili del Fuoco.

Il personale imbarcato del nucleo O.P.S.A. (operatore polivalente salvataggio in acqua) che con apposito protocollo di intesa tra la Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia e la Croce Rossa Italiana – Napoli sud – opera a bordo delle unità della Guardia Costiera, ha fornito, inoltre, assistenza socio-sanitaria al naufrago sia a bordo del gommone durante il trasporto verso il porto di Sorrento sia al momento dell’approdo fornendogli il vestiario andato perso durante l’incendio.

“La Guardia Costiera di Castellammare di Stabia intende perseguire tre obiettivi strategici: salvaguardia della vita umana in mare, sicurezza della navigazione, tutela dell’ambiente marino – ha dichiarato il comandante Guglielmo Cassone – per qualunque informazione o per segnalare emergenze si può fare affidamento sul Numero Blu per le emergenze in mare 1530, i militari della Guardia Costiera saranno a disposizione per dare assistenza ai cittadini sia a terra sia in mare. L’intervento odierno dimostra l’impegno dei miei uomini – ha continuato Cassone –. Siamo impegnati 24 ore al giorno in questa stagione estiva nell’operazione Mare Sicuro 2016. Posso confermare che continueremo a lavorare ed a impegnarci senza sosta e senza risparmio di energie”.