Capri Watch fashion & Accessories

Manca la terapia sub intensiva Covid, muore all’ospedale di Sorrento

ospedale-sorrento-261220

Dallo scorso 23 febbraio era ricoverato per Covid all’ospedale di Sorrento. Presidio sanitario che, però, non è stato in grado di offrire la necessaria assistenza a Salvatore Orazzo, un uomo di 82 anni. Al Santa Maria della Misericordia, infatti, manca la terapia sub intensiva per i pazienti colpiti dal coronavirus di cui l’anziano aveva bisogno.

Per 10 giorni i parenti dell’82enne si sono sentiti dire che non c’erano posti negli ospedali attrezzati. I medici di Sorrento hanno tentato ogni giorno di trovare posto in strutture adatte, mentre i parenti di Salvatore si sono rivolti a molti ospedali Covid di Napoli e provincia.

Erano pronti anche a noleggiare un’ambulanza attrezzata, con un medico a bordo, e mettersi in attesa nel parcheggio di un ospedale con un reparto di sub intensiva. Ma i medici hanno detto che il rischio era troppo alto e non c’era alcuna certezza che il loro congiunto potesse salvarsi.

Poi ieri notte è morto. Dopo il decesso i familiari avrebbero voluto presentare una denuncia alle forze dell’ordine per malasanità ritenendo che se fosse stato trasferito in un ospedale con sub intensiva forse sarebbe sopravvissuto. Ma hanno desistito.

Intanto a Sorrento altri sei pazienti necessitano di trasferimento. E come Salvatore Orazzo, a causa della mancanza di posti in sub intensiva, qualche giorno fa era deceduto un suo coetaneo e amico di Santa Maria La Carità.