L’ex vice sindaco Iaccarino presenta il suo progetto per la guida della città

vincenzo-iaccarino-anna-iaccarino

PIANO DI SORRENTO. “L’amministrazione comunale in carica non ha prodotto risultati. Bisogna tornare ad ascoltare i cittadini e realizzare i progetti di cui la cittadinanza ha bisogno”. Esordisce così Vincenzo Iaccarino, nel corso della presentazione, avvenuta ieri, del movimento “Piano oggi e domani”. Al suo fianco il consigliere di opposizione, Anna Iaccarino, con cui l’ex vicesindaco ha deciso di intraprendere un percorso comune. “La Giunta Ruggiero non ha realizzato nulla di quello che aveva promesso prima delle elezioni del 2011 – ha sottolineato Vincenzo Iaccarino –. Non mi riconosco in una maggioranza lontana dalla gente. Oggi ripartiamo da tre linee guida: trasparenza, partecipazione e tutela del bene comune”.

Nel mirino di Anna e Vincenzo Iaccarino ci sono le scelte compiute dal sindaco Giovanni Ruggiero su alcune importanti questioni che riguardano la città. Prima fra tutte quella di villa Fondi, che il Comune voleva affidare ad una cordata di imprenditori privati: “L’amministrazione vuole disfarsi del fiore all’occhiello della città – attacca Vincenzo Iaccarino –. E la commissione bipartisan, che doveva stilare un progetto di recupero della struttura, è stata affossata ancor prima di nascere”. Secondo l’ex numero due dell’esecutivo, inoltre, “l’amministrazione non è stata in grado di dare una risposta all’Asl che vuole assegnare a Piano la sede della guardia medica”. Opinioni condivise da Anna Iaccarino, che ha denunciato l’affossamento di tutte le proposte avanzate nel corso degli ultimi tre anni: dal monitoraggio delle acque, alla modifica dello statuto comunale, dal censimento dei suoli, all’incentivazione dell’agricoltura locale, senza dimenticare il regolamento per il microcredito alle imprese.

Durissimo il giudizio sulla scuola di via Carlo Amalfi: “Non si capisce cosa il sindaco voglia farne – ha detto Anna Iaccarino –. Il Comune ha speso 600mila euro per spostare gli alunni nel plesso di via Legittimo, il che ha fatto aumentare i costi del trasporto scolastico di un milione di euro in cinque anni. Considerando anche i 900mila euro stanziati a suo tempo dal sindaco Luigi Iaccarino, il Comune avrebbe avuto tutte le risorse per ristrutturare il plesso”. Il movimento “Piano oggi e domani” sarà presente alle prossime elezioni: nei prossimi giorni, potrebbero aderirvi altri consiglieri di opposizione e gli scontenti della maggioranza.