L’addizionale comunale Enel è legittima, i cittadini devono pagare i rincari in bolletta

VicoEquenseMunicipio

VICO EQUENSE. L’amministrazione comunale incassa il placet del Consiglio di Stato sull’aumento dell’accisa Enel varata nel 2011 per coprire i costi di gestione del ciclo dei rifiuti. Il supremo organo della giustizia amministrativa ribalta la sentenza del Tar che, a marzo dello scorso anno, aveva dichiarato illegittimo l’aumento che aveva comportato un esborso di 270mila euro per i cittadini di Vico Equense. L’aumento ai livelli massimi dell’aliquota era stato disposto dalla Giunta nell’agosto di tre anni fa sulla scorta del decreto “Milleproroghe” varato dal governo Monti, prima di essere cancellata dal decreto “Salva Italia”.

Un gruppo di residenti, rappresentati dall’avvocato napoletano Umberto Morelli, aveva presentato un ricorso al Tar a novembre 2011 evidenziando l’insussistenza della necessità di aumentare al massimo l’accisa locale sull’energia elettrica per coprire il servizio rifiuti. I ricorrenti argomentavano, bilancio di previsione alla mano, che a fronte 3,5 milioni di euro di costi del servizio, ci sarebbe stata una previsione di incassi di 3,2 milioni di euro per la Tarsu e 253 mila euro dai proventi dalla raccolta differenziata. Veniva inoltre contestata la retroattività del prelievo fin da gennaio 2011 e l’incompetenza della Giunta municipale a decidere sull’introduzione di una nuova entrata tributaria.
Proprio su questo punto la prima sezione del Tribunale amministrativo campano aveva dato ragione ai ricorrenti, sottolineando la competenza in materia del Consiglio e non dell’esecutivo cittadino, annullando, di conseguenza, la delibera del 30 agosto 2011. Il Comune aveva fatto prontamente ricorso, sostenendo di aver variato in Giunta un’imposta già esistente e non di averne introdotta una nuova. Materia, quest’ultima, di competenza del Consiglio comunale. Alla fine il Consiglio di Stato ha dato ragione al Comune.

Tangibile la soddisfazione negli uffici comunali, già alle prese in questi giorni con le grane del bilancio 2014 che nei prossimi giorni sarà portato in Giunta. Tra Iuc, la nuova imposta municipale unica, Tasi, Tari e Imu, sarebbe stato un nuovo grattacapo dover restituire 270mila euro ai cittadini e trovare un modo alternativo per far quadrare i conti. L’amministrazione comunale, quindi, avrà l’opportunità di poter contare su una cospicua risorsa per le finanze comunali.
Soddisfatto il sindaco Gennaro Cinque, che ha sempre sostenuto la correttezza dell’operato della sua amministrazione, nell’ottica di una giusta imposizione fiscale per i contribuenti. “Siamo contenti – commenta Antonio Di Martino, assessore ai Tributi – che alla fine di questa querelle giudiziaria abbia prevalso la logica. Purtroppo, anche se il Consiglio di Stato avesse confermato la sentenza del Tar dando ragione ai cittadini, questi ultimi avrebbero finito lo stesso per pagare, anche se con modalità diverse dall’addizionale Enel”.