La penisola sorrentina protagonista di un documentario della tv cinese

Sorrento Porto Scutari

SORRENTO. Una troupe della Cctv, China Central Television, l’emittente nazionale cinese è arrivata a Sorrento per trascorrervi un’intera settimana.

 

Operatori, tecnici e giornalisti realizzeranno un documentario che racconterà le tradizioni, la storia, le tipicità della penisola sorrentina, con particolare attenzione per il paesaggio e il patrimonio agroalimentare.

Nutrita la scaletta del programma, che prevede visite in alcuni frantoi, aziende di trasformazione del limone, cantieri nautici, luoghi d’arte, siti naturalistici e degustazioni di prodotti enogastronomici.

“Vogliamo offrire alla delegazione l’opportunità di conoscere tutte le eccellenze del nostro territorio – spiega il vice sindaco di Sorrento, con delega al Marketing territoriale, Giuseppe Stinga -. Inutile sottolineare il valore di questa iniziativa, sotto il profilo della promozione turistica in un mercato, quello cinese, in grande evoluzione come testimoniano i numeri e i ritmi di sviluppo”.

La visita della televisione cinese segue in ordine di tempo una fitta attività di relazioni bilaterali tra il Comune di Sorrento e la Città di Zhuhai, località situata nella provincia meridionale costiera del Guangdong, nella Repubblica Popolare Cinese.

Lo scorso 24 maggio è stata sottoscritta una dichiarazione d’intenti tra amministratori pubblici locali e rappresentanti del centro cinese finalizzata ad esaminare l’opportunità di promuovere azioni di scambio e collaborazione tre le due città.

Poche settimane dopo è stato il vice sindaco Stinga a recarsi in Cina per incontrare autorità e operatori economici e sondare eventuali opportunità di investimento nel Paese asiatico. “L’augurio è che questo documentario possa suscitare l’interesse di tanti cinesi e spingerli a scegliere Sorrento per una vacanza – aggiunge Stinga -. Ma anche il commercio e l’artigianato potrebbero beneficiare di questa importante vetrina: dall’intarsio all’olio, dal limoncello al vino, tutti grandi protagonisti del Made in Italy e fiori all’occhiello della nostra terra”.

RIPRODUZIONE RISERVATA