Il Comune di Sorrento mette in vendita altri cespiti del proprio patrimonio

L’amministrazione comunale mette in vendita altri 5 cespiti del proprio patrimonio, che si aggiungono ai 18 alienati nel 2011 – per un incasso che ha superato i due milioni di euro – ed ai 3 che nelle scorse settimane non hanno trovato acquirenti.

L’elenco è composto da alcuni piccoli tratti stradali e da un appezzamento di terreno. Nel dettaglio si tratta di una parte di via Li Schisani che collega le frazioni di Priora e Sant’Agata sui due Golfi (in vendita a 30mila 250 euro), del vecchio tracciato di via II traversa Baranica (il cui prezzo è di 9mila euro), di una porzione di via traversa Casola (acquistabile per 25mila e 200 euro) e della strada di collegamento tra via Marina di Puolo e via Calata Puolo (all’asta per almeno 14mila euro). A questi si aggiunge un fondo coltivato ad agrumeto che sorge nella zona di Montariello, che l’amministrazione intende cedere ad almeno 85mila 960 euro. In totale l’Ente di piazza Sant’Antonino intende incassare circa 165mila euro. Il problema è capire se ci sono soggetti interessati all’acquisto. L’ultima operazione di vendita immobiliare, infatti, non ha dato i risultati sperati.

Nei mesi scorsi il Comune ha messo sul mercato due appartamenti ed un locale commerciale senza che agli uffici pervenissero offerte. Proprio per questo motivo gli stessi tre cespiti sono ora acquisibili mediante la procedura della trattativa privata e non più in base all’offerta più elevata. I prezzi delle due abitazioni sono fissati in 150mila e 140mila euro, contro una valutazione iniziale di 337mila e 220mila euro. Per quanto riguarda il negozio, invece, ora è possibile acquistarlo a 70mila euro, a fronte del prezzo iniziale che era di 131mila euro.