Capri Watch, fashion accessories

Giornate Fai, boom di visitatori ai siti della penisola sorrentina

giornate-fai-2018-3

SORRENTO. Centinaia di persone provenienti dall’intera provincia di Napoli e non solo, nel corso del fine settimana si sono date appuntamento per partecipare alle visite guidate presso alcuni dei siti di maggiore pregio storico e paesaggistico della costiera sorrentina. Iniziativa inserita nell’ambito delle Giornate Fai di Primavera che quest’anno hanno visto per la prima volta il coinvolgimento anche del Comune di Sorrento dove i volontari hanno fatto conoscere i segreti della Basilica di Sant’Antonino, delle antiche mura del Bastione di Parsano e dei resti dell’antica villa romana ai Bagni della Regina Giovanna.

giornate-fai-2018-8

In particolare presso la Basilica di Sant’Antonino ad accompagnare i visitatori in qualità di “apprendisti ciceroni” del Fai, sono stati gli studenti dell’Istituto polispecialistico “San Paolo” di Sorrento, al Bastione di Parsano l’associazione Peninsula Felix ed ai Bagni della Regina Giovanna del Capo di Sorrento i ricercatori dell’Università di Berlino “Umboldt”. In quest’ultimo sito, dove era presente anche una delegazione di Marevivo, la società Penisolaverde ha anche sistemato alcuni particolari cassonetti per la raccolta differenziata invitando bagnanti e turisti a depositare negli appositi raccoglitori i rifiuti anziché abbandonarli sul posto.

“Il nostro obiettivo – spiega il consigliere comunale Luigi Di Prisco – è di valorizzare sempre di più l’ambiente che ci circonda, non tralasciando l’aspetto culturale delle Giornate di Primavera del Fai. Per questo voglio ringraziare tutti i volontari che hanno contribuito al successo della manifestazione”.

giornate-fai-2018-9

Anche a Massa Lubrense tantissime persone hanno preso d’assalto i siti inseriti nel programma del Fondo Ambiente Italiano. Oltre alla Baia di Ieranto – unico bene di proprietà Fai in Campania – i visitatori hanno avuto modo di scoprire la Chiesa del Santissimo Salvatore nel borgo di Schiazzano, grazie alla disponibilità degli studenti dell’Istituto Comprensivo “Bozzaotra” di Massa Lubrense impegnati per due giorni come “apprendisti ciceroni”.