Capri Watch, fashion accessories

Fuochi d’artificio a tutte le ore di tutti i giorni, proteste in costiera sorrentina

fuochi

SORRENTO. Con l’arrivo dell’estate e del proliferare degli eventi, tanto pubblici quanto privati, si moltiplicano anche le occasioni per accendere fuochi pirotecnici. Botti che scoppiano a qualsiasi ora del giorno e della notte e per i motivi più disparati, feste patronali, come matrimoni. Senza che nessuno si preoccupi di arrecare disturbo a chi vuole riposare e di fare del male agli animali. Senza dimenticare che si rischia di appiccare incendi, soprattutto quando le temperature iniziano a salire e la vegetazione è secca.

Nella sezione dedicata alle segnalazioni dei cittadini sul sito del Comune di Sorrento a tale proposito leggiamo il post della titolare di una struttura extralberghiera: “Desidero portare alla vostra attenzione un problema sempre più incalzante e nello stesso tempo porre una semplice domanda: dove trovo un link dove poter vedere giorno, ora e luogo di tutti i fuochi e botti in programma durante l’anno? Capisco il divertimento e il casino che piacciono tanto a tanti ma ci sono anche le persone normali che vanno a riposare, compresi i turisti, tanto cari al Comune, gli anziani e anche gli animali che ne soffrono. Esiste anche l’inquinamento acustico e da fumi propri dei fuochi, ma per quelli chiederei troppo ad evitarli.

Spero ci sia un posto dove potersi informare su questa programmazione, almeno uno lo sa e prende precauzioni per i suoi cari e per i turisti ospiti, i quali, magari, se vengono informati prima da noi che li ospitiamo, non saltano per aria a mezzanotte e oltre pensando sia scoppiata la guerra.

Basta creare un link ad una pagina del Comune dove tutti coloro che programmano fuochi, pubblici o privati, inseriscano i dettagli. Si avvisa poi la cittadinanza tramite comunicato che lì a quel link si può consultare la programmazione. Non mi pare una cosa complicata da fare. E semmai certi fuochi non fossero consentiti pena ammenda, basterebbe informare la cittadinanza diffondendo un numero di segnalazione. Non è possibile che ogni due per tre si salti per aria durante il riposo notturno. Grazie Una cittadina, owner di casa vacanza, molto responsabile e attenta alla propria clientela e con senso civico”.

Probabilmente l’idea è quella giusta, ma se, come pensiamo, la maggior parte dei fuochi pirotecnici viene esplosa in occasione di feste private, quasi certamente non c’è nessuna autorizzazione e quindi, chi ha intenzione di accenderli, eviterà di certo di darne notizia per non rischiare di essere sanzionato o addirittura denunciato. Di sicuro sarebbe meglio offrire la disponibilità di un numero dove effettuare le segnalazioni, anche se non sempre si riesce ad individuare con esattezza da dove hanno origine i botti.