Capri Watch - Fashion Accessories

Erasmus+, a Vico Equense studenti dell’Est Europa

studenti-erasmus-vico-equense

VICO EQUENSE. L’Istituto comprensivo “Filippo Caulino”, nell’ambito del Progetto Erasmus+ “Be my guide! Jwant to know about european countries”, ospita una delegazione di alunni provenienti da Polonia, Romania, Lituania e Turchia. Fedele alla sua vocazione internazionale, l’istituto di Moiano si distingue, ancora una volta, per l’attenzione che rivolge alla crescita umana e professionale dei propri studenti, attraverso la partecipazione a progetti europei di grande spessore.

Ieri pomeriggio, i docenti e gli alunni stranieri sono stati ricevuti dal sindaco Andrea Buonocore. Al saluto di benvenuto, che si è tenuto nella Sala Consiliare, oltre al primo cittadino, ha partecipato il vice sindaco, Franco Lombardi e la dirigente scolastica della “Caulino”, Alberta Maresca, che nell’importante esperienza di amicizia e cooperazione internazionale ha coinvolto gli studenti della scuola primaria e secondaria dell’istituto.

Il sindaco Buonocore nel suo caloroso benvenuto ha sottolineato l’importanza della dimensione europea per i giovani quali veri e consapevoli cittadini d’Europa del futuro. “Il progetto – spiega la dirigente scolastica Alberta Maresca – ha come obiettivo lo sviluppo delle competenze di base per il raggiungimento degli obiettivi europei di inclusione e sviluppo previsti dalla strategia della Commissione Europea per il 2020”.

Gli alunni coinvolti hanno un’età compresa tra gli undici e i quattordici anni. I ragazzi stranieri, ieri pomeriggio, hanno visitato il centro storico della città, il Museo Mineralogico Campano, l’Antiquarium “Silio Italico”, e stanno conoscendo direttamente la realtà italiana in quanto sono alloggiati presso alcune famiglie nelle frazioni collinari di Vico Equense. Erasmus + è il programma dell’Unione Europea per l’educazione, la gioventù e lo sport, che permette di migliorare la formazione dei docenti, costruire relazioni fra scuole, attuare mobilità e scambi per ampliare l’orizzonte culturale e formare i cittadini europei.