Capri Watch, fashion accessories

Epatite, a Gragnano confronto tra esperti

congresso-medici

Nuovi farmaci per curare l’epatite C, scelta dei protocolli, questioni etiche. Esperti italiani ed internazionali in campo epatologico si riuniranno il 4 e il 5 novembre 2016 a Gragnano presso l’Hotel degli Ulivi, dove si terrà un’edizione straordinaria della Riunione Stabiese di Epatologia. Un evento scientifico di eccellenza organizzato dal dottor Carmine Coppola dell’Asl Napoli 3-Sud (Ospedali Riuniti Area Stabiese), che rappresenta una preziosa occasione di confronto per i massimi esperti italiani ed internazionali in campo epatologico.

“L’impressionante accelerazione della ricerca farmacologica verificatasi nell’ultimo decennio nel campo del trattamento dell’epatite C – ha spiegato Coppola – ha permesso l’introduzione in commercio di nuovi e potenti farmaci antivirali estremamente efficaci nell’eliminazione dell’infezione. Gli antivirali ad azione diretta di seconda generazione consentono la definitiva eradicazione del virus nella quasi totalità dei pazienti infetti, anche nelle forme avanzate di malattia e nei soggetti sottoposti a trapianto di fegato, con un ottimo profilo di tollerabilità e sicurezza. L’elevato costo delle terapie impone, però, un’attenta selezione delle persone da trattare, ma allo stesso tempo sta sollevando delicate questioni etiche, medico-legali, finanziarie e di liceità giuridica che rendono necessari ed urgenti interventi legislativi in grado di programmare piani attuativi di lotta all’infezione”.

La manifestazione prenderà il via alle ore 13 di domani, venerdì 4 novembre, con l’intervento del direttore generale dell’Asl Napoli 3-Sud, Antonietta Costantini, per poi proseguire con l’analisi dei farmaci innovativi e dei percorsi sostenibili per la terapia dell’epatite C. Il giorno dopo si concentrerà sui trapianti, sulle terapie antirigetto e sui miti da sfatare nelle malattie del fegato.

“La deroga dalla tradizionale cadenza biennale del congresso – ha concluso Coppola – trova la sua motivazione proprio nella tumultuosa rivoluzione cui stiamo assistendo con l’utilizzo dei nuovi farmaci antivirali. Un’intera giornata è dedicata al trapianto di fegato con gli scenari che la nuova terapia apre per l’inserimento in lista d’attesa e per una corretta allocazione degli organi”.