Divieto di balneazione anche a Sant’Agnello

Colorante-mare

SANT’AGNELLO.  Dopo Sorrento ora anche Sant’Agnello. Un’ordinanza del sindaco Piergiorgio Sagristani ha imposto il divieto di balneazione lungo la spiaggia della Marinella nel tratto di costa compreso tra punta San Francesco e la scogliera dell’hotel Parco dei Principi. Anche in questo caso sono risultate determinanti le analisi dei campioni di acqua, prelevati lo scorso 10 giugno dai tecnici dell’Arpac, i quali hanno rivelato una presenza eccessiva di batteri nelle acque. Il limite è stato superato dall’Escherichia coli.

Il dato emerso dalle verifiche ha spinto il Comune a correre ai ripari. Ecco perché adesso, sulla spiaggia indicate nell’ordinanza, campeggiano i cartelli di divieto di balneazione. Il provvedimento firmato da Sagristani è stato già notificato ai concessionari degli stabilimenti Marinella e Cocumella e resterà in vigore fin quando le analisi dell’Arpac non avranno dato di nuovo risultato favorevole.

Intanto si registra forte preoccupazione anche a Massa Lubrense, che per l’ottavo anno consecutivo è stata premiata dalla Fondazione per l’educazione ambientale (Fee) per il mare pulito e l’alta qualità dei servizi offerti ai bagnanti. Attraverso una serie di foto pubblicate sulla sua pagina Facebook il presidente del Wwf della penisola sorrentina, Claudio d’Esposito, ha denunciato le chiazze e le strisce di schiuma che negli ultimi giorni hanno sfregiato le spiagge di Nerano e di Marina del Cantone. “La bandiera è blu, il mare un po’ meno”, è il commento postato sul social network dal leader degli ambientalisti locali.