Capri Watch, fashion accessories

Dibattito sul ruolo della penisola sorrentina nella Città Metropolitana

penisola_sorrentina111

SORRENTO. Aria di dibattito sulla città di domani. Non è Italo Calvino a proporre di interrogarsi sulla città e sulle risposte che essa deve dare ai cittadini, ma un’esigenza: prima legislativa e, poi, di prassi economica. La legge n. 56 del 7 aprile 2014 riordina i rapporti tra le città metropolitane e le zone omogenee: ma la città metropolitana, ad oggi, disattende questo indirizzo.

Da qui, uno dei motivi del dibattito: innanzi tutto, richiamare la Città Metropolitana ad individuare le zone omogenee. Poi, chiedersi se le specificità della zona omogenea in cui finirebbe la Penisola Sorrentina collimino con quelle proprie dei Comuni. L’intento del dibattito: elaborare un progetto comune. Che è, di fatto, un progetto sinergico tra i Comuni della Penisola e un piano integrato alla zona omogenea, cioè inquadrato nelle strategie di sviluppo dell’area metropolitana.

Queste le tematiche principali del convegno, organizzato dall’Associazione Culturale “La Fenice” di Massa Lubrense”, presieduta da Nicola Di Martino, dal titolo, “Ostinazione per la speranza: la Penisola Sorrentina e la Città Metropolitana”, che avrà luogo, a Sorrento, sabato 8 aprile, dalle ore 9:30 alle 14, presso la sala conferenze “Carlo Di Leva” dell’Azienda Autonoma di Soggiorno di Sorrento/Sant’Agnello, in via Luigi De Maio, 35.

Introdurrà il dibattito, il presidente de “La Fenice”, Nicola Di Martino. Coordinerà, il giornalista del “Corriere della Sera”, Marco Demarco. Interverranno, in qualità di relatori, l’urbanista Attilio Belli su “La pianificazione strategica del territorio metropolitano di Napoli, il ruolo delle zone omogenee”; il pianificatore ambientale Biagio Cillo su “Paesaggio-identità, ambiente-resilienza nella Penisola Sorrentina” e l’economista Massimo Lo Cicero su “Le prospettive del turismo in ambito metropolitano”.

È prevista la presenza dei sindaci della Penisola Sorrentina: Lorenzo Balducelli di Massa Lubrense, Giuseppe Cuomo di Sorrento, Piergiorgio Sagrtistani di Sant’Agnello, Vincenzo Iaccarino di Piano di Sorrento, Giuseppe Tito di Meta e Andrea Buonocore di Vico Equense, nonché di Davide Libero, vice sindaco della Città Metropolitana di Napoli e di Vincenzo Carbone, delegato alla Promozione dello Sviluppo Economico e delle Attività Produttive della Città Metropolitana di Napoli.