Capri Watch fashion & Accessories

Il comandante Arma sbarca dalla Diamond Princess. La compagnia: Un eroe

gennaro-arma-diamond-princess-coronavirus

È finito l’incubo sulla nave da crociera Diamond Princess che era ormeggiata a Yokohama dal 5 febbraio, e con decine di casi di contagio da Coronavirus a bordo. L’ultimo a lasciare la nave, com’è giusto che sia, è stato il comandante, Gennaro Arma, che rimasto sull’unità fino a ieri con alcuni membri dell’equipaggio.

Le procedure di sbarco sono terminate nella giornata di ieri, fanno sapere le autorità giapponesi, aggiungendo che i membri sani dell’equipaggio avevano iniziato ad essere rilasciati già da giovedì. Ieri sono scese invece le ultime 130 persone, su 3.700 totali tra passeggeri, personale di bordo e marittimi: di questi, ben 705 erano risultati positivi al Covid-19. Una settantina di indonesiani sono stati rimpatriati con un charter del governo di Giacarta, mentre le altre persone saranno messe in quarantena in ospedali specializzati a Saitama, a nord di Tokyo, e potranno lasciare il Giappone tra due settimane (se negativi ai test).

Intanto il comandante Gennaro Arma della costiera sorrentina è stato salutato come un eroe, sia dal governo giapponese, sia dalla compagnia: il ministro della Salute nipponico, Katsunobu Kato, nel ringraziarlo, ha detto che la nave sarà disinfestata a rimarrà ancorata a Yokohama per un periodo di manutenzione. La Princess Cruises ha invece dedicato ad Arma un lungo post su Facebook, corredato da una foto del comandante mentre lascia la nave, con la mascherina sul viso.

“Il capitano Arma è stato l’ultimo a lasciare la Diamond Princess, ed è un eroe agli occhi di tutti noi della comunità Princess – si legge nel post -. Ringraziamo lui e i suoi ufficiali per la loro leadership, insieme al nostro eccezionale equipaggio. Offriamo la nostra sincera gratitudine a tutte le agenzie governative in Giappone e nel mondo, che hanno lavorato con i nostri colleghi a riva per supportare i nostri ospiti e i nostri dipendenti in questo momento straordinariamente difficile”.