Il Comune di Vico non vuole l’autista: “Così si risparmiano 30mila euro l’anno”

Gennaro-Cinque

VICO EQUENSE. Il sindaco Gennaro Cinque non vuole l’autista, ma preferisce mettersi lui alla guida dell’automobile comunale. Soprattutto oggi, in un momento di crisi e con la spending review che continua a mettere alle strette gli enti locali. Anche perché, a detta sua e della giunta, la mancanza di un’autista municipale comporta un risparmio di tutto rispetto per le casse dell’amministrazione.

Si parla di circa 30mila euro annui nell’ultima delibera con cui primo cittadino e assessori hanno approvato il regolamento per l’utilizzo dei veicoli di proprietà dell’ente in cui c’è ancora una volta semaforo verde per l’assenza di un “pilota” a carico del Comune.

Cinque ha deciso di continuare a rinunciare all’assunzione di un autista provvedendo in proprio ai “viaggi istituzionali”. Eccetto il carburante: in caso di rifornimento, Cinque potrà addebitare la spesa anche sui conti dell’amministrazione.