Capri Watch fashion & Accessories

Centro Salute Mentale di Sorrento, il consigliere Longobardi: “Trovare soluzioni in costiera”

centro-salute-mentale-sorrento

SORRENTO. Il Centro di Salute Mentale di Sorrento potrebbe chiudere entro la fine dell’anno spostando parte delle attività nel vicino Distretto Sanitario di Sant’Agnello e dirottando alcuni malati presso altre strutture. Per questo motivo il consigliere regionale Alfonso Longobardi ha deciso di scrivere all’Asl Napoli 3-Sud ed alla Regione per chiedere interventi che possano evitare pesanti disagi per i degenti dei comuni costieri.

“Come è noto – scrive Longobardi – l’Unità Operativa Complessa Salute Mentale della Penisola Sorrentina serve una vasta fascia di cittadini, in un’area che va da Massa Lubrense fino a Vico Equense dove risiedono 85mila abitanti, che nel periodo estivo visto l’alto afflusso turistico raggiungono picchi di 250mila persone. Non si può, dunque, privare un’area così vasta ed importante di un presidio assistenziale cruciale, considerando anche la particolare conformazione della penisola e le difficoltà crescenti inerenti la mobilità e i trasporti nella zona”.

Per Longobardi spostare il “presidio assistenziale è alquanto problematico e al di là della disponibilità dei comuni interessati a trovare un eventuale altro locale dove ricollocare servizi e attività, ritengo che l’Asl e la Direzione Salute della Regione Campania debbano verificare ogni altra soluzione possibile al fine di evitare disagi e problemi alla popolazione residente ed a quella che nel periodo estivo accresce l’utenza della penisola”.

L’obiettivo di Longobardi è quello di individuare una nuova sede per il Centro di Salute Mentale nell’ambito della costiera sorrentina.