“CasaPound” lancia la protesta contro la Tares: “Dal 2011 l’imposta è aumentata del 400%”

Tares

SORRENTO. Sacchetti della spazzatura con il simbolo dell’euro, manifesti e locandine sparsi per l’intera penisola che recitano “Tares usura”.

 

É la protesta messa in piedi da Casapound, contro l’aumento spropositato della tassa sulla spazzatura. Il referente costiero del movimento, Tommaso Guarracino dichiara: “Noi ci chiediamo se gli amministratori locali si rendano conto che i cittadini e i commercianti sono esasperati, in quanto soggetti a una tassazione tra le più care d’Italia. La raccolta differenziata è stata pensata, in teoria, per la riduzione dei costi. Eppure in penisola questo non accade”.  

RIPRODUZIONE RISERVATA