Capri Watch fashion & Accessories

Autismo e nuova neuropsichiatria infantile, un incontro a Sorrento

autismo

SORRENTO. Sabato 7 marzo 2020, alle ore 9, presso il Grand Hotel Flora in Sorrento, il Centro Studi e ricerche per le Neuroscienze dello sviluppo “Janice e Carl H. Delacato”, in occasione della consegna dei diplomi “Tutor Delacato”, quale coronamento di un master biennale sulla metodologia Delacato, organizza l’evento aperto al pubblico dal titolo “Autismo 1943-2020 una nuova era. Come cambia la neuropsichiatria infantile” durante il quale si discuterà dei bisogni terapeutici dei bambini con autismo e del ruolo svolto dalla neuropsichiatria infantile.

Progredendo a partire dai metodi tradizionali, da una problematica psicodinamica (prima degli anni Novanta dello scorso secolo), l’autismo è stato poi inquadrato come un problema secondario a cerebrolesione. Oggi, la ricerca scientifica considera la maggior parte degli autismi una conseguenza di anomalie del connettoma aggravata da un’infiammazione sistemica (patologia sia del corpo che del cervello).

La neuropsichiatria infantile è preparata ad accogliere questa nuova sfida? È questo il motivo per il quale, il dottor Antonio Parisi, presidente del Centro Studi Delacato, ha invitato a Sorrento il dottor Rosario Savino neuropsichiatra infantile dell’Asl Napoli 1, con esperienza trentennale, che interverrà su come sta cambiando il ruolo del neuropsichiatra infantile rispetto alle recenti conoscenze sull’autismo.

Nel corso della mattinata verrà anche presentato il progetto “Gemma”, patrocinato dalla Harvard University e diretto dal professor Alessio Fasano, finalizzato a far luce sul ruolo della genetica e del microbioma nel generare gli autismi.

I lavori si concluderanno alle ore 12 e gli interessati potranno ottenere, dietro richiesta (info@delacato.it), un attestato di partecipazione.

di Elena Stabile