Approvato il progetto per la nuova Rianimazione dell’ospedale di Sorrento

Sorrento_ospedale

SORRENTO. La nuova unità operativa complessa di Rianimazione del presidio ospedaliero “Santa Maria della Misericordia” di Sorrento sarà realizzata con l’utilizzo dei fondi residui ex art.20 della legge n°67/88, per un totale di 725.575,42 euro, di cui 689.296,65 euro, pari al 95 per cento, a carico dello Stato e 34.464,83 euro, vale a dire il restante 5 per cento con risorse della Regione Campania.

Si tratta di un intervento strutturale lungamente atteso che va a colmare un gap nell’offerta sanitaria fortemente sentito da operatori e cittadini della penisola sorrentina ed anche dalla vasta platea turistica. Il reparto diretto dalla dottoressa Matilde De Falco da tempo necessita di un deciso adeguamento strutturale e del totale rinnovamento della dotazione strumentale.

Una situazione a cui l’attuale direttore generale dell’Asl Napoli 3-Sud, Antonietta Costantini, ancorché nelle vesti di commissario straordinario, intese porre rimedio già dal maggio del 2016 chiedendo all’assessorato alla Sanità della Regione Campania di utilizzare parte dei fondi residui della prima fase dell’ex art.20 della legge n°67/88 ancora disponibili proprio per la realizzazione “con urgenza” della nuova Rianimazione presso l’ospedale di Sorrento.

Con l’approvazione del progetto esecutivo e con l’indizione della relativa gara d’appalto, il prossimo passaggio sarà l’avvio dei lavori.