Capri Watch, fashion accessories

Analisi Arpac. Il M5S: Dati preoccupanti per la salute

schiuma-regina-giovanna-1

SORRENTO. Nella giornata di ieri l’Arpac ha diffuso i nuovi dati relativi alle analisi eseguite sui campioni di acqua marina prelevata nei primi giorni del mese di settembre nei diversi punti di prelievo della costiera sorrentina. Due le criticità emerse: la riviera di San Montano a Massa Lubrense e la Punta del Capo di Sorrento.

A tale proposito riceviamo e riportiamo la nota di Rosario Lotito del Movimento 5 Stelle:

Il giorno 2 settembre 2019 l’Arpac ha effettuato i rilievi di routine al punto di prelievo di Capo di Sorrento, area di balneazione “Da La Tonnarella a 300 mt ovest Punta del Capo” e i risultati delle analisi delle acque in quel punto hanno dato esito negativo alla balneazione per l’elevata presenza del batterio Escherichia coli di oltre il doppio la soglia consentita dalla legge, (MPN/100ml, valore limite 500, valore rilevato 1013). La presenza di un tale batterio denota forte contaminazione fecale. Ma cosa può provocare all’essere umano questo batterio?
Le più comuni infezioni dovute a Escherichia coli si manifestano a carico di:
Apparato digerente (causando gastroenterite),
Vie urinarie
Escherichia coli è la causa più comune di infezione della vescica nelle donne.
Inoltre, questi batteri possono anche causare:
Infezione della prostata (prostatite)
Infezione della cistifellea
Infezioni che si sviluppano in seguito a un episodio di appendicite e diverticolite
Infezioni delle ferite (comprese quelle chirurgiche)
Infezioni delle piaghe da decubito
Infezioni del piede nei diabetici
Polmonite
Meningite neonatale
Infezioni del sangue
Crampi allo stomaco, diarrea e vomito.
Ad oggi pare che il sindaco di Sorrento, responsabile della salute dei propri concittadini, non abbia ancora emesso nessuna ordinanza di divieto di balneazione per quell’area che ricordiamo, molto frequentata anche da bambini.
Non si scherza con la salute dei cittadini in primis con quella dei nostri figli.

Per dovere di cronaca al momento anche il sindaco di Massa Lubrense non ha emanato alcuna ordinanza in merito. Evidentemente possiamo ritenere che entrambi i primi cittadini attendono l’esito delle controanalisi che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.