Capri Watch, fashion accessories

A Vico Equense iniziative per ricordare Giancarlo Siani

siani-mehari

VICO EQUENSE. Ieri mattina, Paolo Siani, fratello di Giancarlo, il giornalista napoletano del Mattino assassinato dalla camorra, ha incontrato il sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore, per avviare l’organizzazione di una serie di manifestazioni di ricordo e di testimonianza che avverranno in concomitanza con la ricorrenza dell’omicidio. Dal 19 al 21 settembre la Mehari, l’auto sulla quale Giancarlo Siani è stato ucciso, il 23 settembre 1985, sarà a Vico Equense.

Tante le iniziative in programma: un premio dedicato a Giancarlo, la proiezione di Fortapàsc, il film che il regista Marco Risi ha dedicato al giornalista, presentazioni di libri ed altro. La vasta area antistante la nuova sede del Comune di Vico Equense si chiamerà “Piazzale Giancarlo Siani”. Lo ha deliberato la Giunta municipale, che ha così concretamente risposto a una petizione per ricordare il giornalista ucciso, all’età di 26 anni, per il suo lavoro da killer della camorra.

Dunque, piazzale Giancarlo Siani sta iniziando a nascere, a prendere forma. Sarà un’agorà per i giovani, contro le mafie, nel ricordo di un martire antimafia. A Vico Equense Giancarlo ha vissuto gli anni più belli della sua vita, quelli con la fidanzata di allora, Daniela. Un ragazzo che tutti da queste parti ricordano col suo sorriso migliore, l’aria sbarazzina su quella Mehari diventata simbolo di una morte crudele e ingiusta.

La passione per il suo lavoro lo indusse a raccontare, senza mediazioni, ciò che accadeva a Torre Annunziata, andando oltre le mere notizie e cercando di analizzare le interdipendenze tra camorra e potere fino a giungere alla consapevolezza della “camorra come fenomenologia di potere”. Il prossimo 21 settembre 2018, due giorni dopo il compleanno di Siani e due giorni prima della triste ricorrenza della morte, A Vico Equense si terrà la cerimonia alla presenza del fratello di Giancarlo, e di alte autorità dello Stato.