Capri Watch, fashion accessories

A Sorrento studenti a confronto con esperti per salvare il mare e le acque

pulizia-mare-sorrento-31319-1

SORRENTO. Informare, sensibilizzare, responsabilizzare: la qualità dei Mari e delle Acque che tengono in vita il nostro pianeta e tutti noi va divulgata attraverso i suoi più autorevoli conoscitori e insegnata alle nuove generazioni.
È questo l’obiettivo del progetto itinerante “Salva-Acque” accolto dalla Fondazione Sorrento in collaborazione con il Comune di Sorrento e rivolto principalmente a una folta rappresentanza di studenti di licei locali, che potranno incontrare alcuni dei più autorevoli esperti di Mare e Acque nella mattinata di lunedì 6 maggio presso il Teatro Tasso della splendida località campana.

In questa come nelle successive tappe del progetto Salva-Acque, si avvicenderanno infatti recordmen mondiali di sport acquatici e campioni internazionali di fotografia subacquea, divulgatori scientifici e associazioni di salvaguardia ambientale, per dar vita a un dibattito sinergico basato principalmente sullo showcase di numerose ed emozionanti immagini video-fotografiche d’autore dedicate al Mare e alla sua biodiversità, alle risorse come alle urgenze dei diversi bacini idrici e paesaggi costieri.

Una spettacolare quanto istruttiva condivisione di quanto sperimentato e documentato in prima persona nel corso di una vita dedicata alle profondità marine e alle discipline utili al monitoraggio, tutela e valorizzazione ambientali.

Testimonial d’onore della tappa sorrentina sarà il recordman mondiale di immersione in apnea Gianluca Genoni, affiancato dal Direttore dell’Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR Dr. Vito Uricchio, dal campione internazionale di fotografia subacquea Pasquale Vassallo, che introdurrà anche alcune immagini dell’altrettanto premiato collega Davide Lopresti, dal Consigliere Comunale di Sorrento Luigi Di Prisco e dalle delegate di Marevivo Sorrento-Penisola Sorrentina Maria Rosaria di Natale e Rossella Gargiulo.

Inoltre, una mostra fotografica del pluripremiato fotografo sorrentino Marco Gargiulo sarà visitabile presso il foyer del Teatro Tasso, sito in piazza Sant’Antonino 25.

L’evento culturale a scopo di educazione eco-ambientale sarà aperto al pubblico pur rivolgendosi a un uditorio privilegiato di studenti e docenti liceali, i quali – oltre ad assistere all’eccezionale focus fornito dagli esperti – potranno interagire con essi attivamente, ponendo domande di approfondimento, illustrando una presentazione delle esperienze passate svolte con i propri educatori e condividendo le future iniziative concrete a cui sono incoraggiati in favore del Mare e delle Acque.

Il Progetto Salva-Acque è a cura di Maria Rosaria Cerino. La tappa di Sorrento è realizzata con il contributo della Fondazione Sorrento (www.fondazionesorrento.com) in collaborazione con il Comune di Sorrento e con il supporto di Federalberghi.

“Il mare è una risorsa fondamentale per il nostro territorio dice Gaetano Milano, amministratore delegato della Fondazione Sorrento -. La sua salvaguardia migliora la qualità della nostra vita quotidiana e nel contempo ‘eleva’ la nostra proposta turistica. È per questi motivi che la Fondazione Sorrento ha offerto la propria collaborazione all’evento Salva-Acque, per dare vita a un convegno scientifico-divulgativo di grandissimo interesse e attualità”.

“II destino dell’uomo è intrinsecamente correlato alla disponibilità di acqua di buona qualità – precisa Vito Uricchio, Direttore Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR -. Per costruire il futuro cui aspiriamo, abbiamo bisogno di unire i contributi della natura, della scienza e dell’innovazione per raggiungere la sicurezza della risorsa idrica. Come suggerisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità, occorre promuovere un approccio di ‘One Health’, poiché la salute dell’uomo è strettamente legata a quella dell’Ambiente e, soprattutto, dell’acqua”.

“Nell’appuntamento di Sorrento si sintetizzano le importanti attività virtuose organizzate in favore della risorsa mare e dell’ambiente. Nella fattispecie si evidenziano le attività di bonifica e pulizia dei fondali, le azioni di pulizia degli arenili a seguito delle avverse condizioni meteo marine, nonché una serie di attività svolte per la sensibilizzazione e la tutela dell’ecosistema marino”, aggiunge il consigliere comunale di Sorrento Luigi Di Prisco.

“Conservare e preservare i mari per le generazioni future è un dovere per tutte le persone con un minimo di senso civico e questo dobbiamo ricordarcelo tutti i giorni. Molto è stato fatto, ma ancora moltissimo resta da fare per sensibilizzare l’opinione pubblica verso acque fruibili in maniera più sana e sicura – è il punto di vista di Gianluca Genoni, Recordman Mondiale di Apnea -. Servono azioni concrete nella pulizia e nel risanamento, servono interventi strutturati oltre alle buone intenzioni. Nonostante la grave contaminazione a livello globale, i fondali sono ancora ricchi di vita e questo fa ben sperare, forse siamo ancora in tempo per la nostra stessa salvezza.”

“Gettare i rifiuti in mare è come nascondere la polvere sotto il tappeto: prima o poi viene fuori tutto e il risultato non è bello da vedere… La mia mission è quella di mostrare tutto ciò che di bello c’è sotto la superficie, ma anche di segnalare tutto ciò che rischia di modificare irreparabilmente il nostro mare” interviene Marco Gargiulo, Fotografo Subacqueo

Il tema di incontri come questo potrebbe essere: Un mare di plastica. Una contaminazione immensa e un problema che dipende da noi uomini – ritiene Davide Lopresti, Fotografo Subacqueo -. Eppure, sotto la superficie dell’acqua si nasconde un mondo tanto meraviglioso quanto fragile. Conoscere i suoi abitanti può aiutarci a proteggerlo”.

“Il mare ha custodito nei millenni il meglio del passaggio degli uomini: i resti dei commerci marittimi e dell’arricchente scambio culturale che implicava, la meraviglia di inaspettati reperti architettonici e artistici, le tracce dei grandi eventi storici, che le sue creature hanno delicatamente accolto e rispettato – è il punto di vista di Pasquale Vassallo, Fotografo Subacqueo -. Ma oggi stiamo ricambiando con lo scarico dissennato di sostanze velenose per le acque e per noi. Cosa potrebbero inquadrare gli obiettivi delle generazioni future?“.

“Le attività dell’Associazione no profit Marevivo – fanno sapere dal sodalizio ambientalista – sono volte principalmente all’educazione ambientale, alla ricerca scientifica, alla promozione delle aree marine protette, alla difesa del mare e delle sue risorse, all’informazione ambientale e alla pianificazione territoriale. Chi ama il Mare lo difende.”

Secondo gli studenti dei licei di Sorrento “soprattutto per le generazioni future è importante condividere, divulgare, proporre, agire per preservare e risanare”.

“Ognuno di noi può dare piccoli grandi contributi per l’amico Mare. L’Evento Salva-Acque è uno dei miei”. Conclude Maria Rosaria Cerino.