Vigilanza privata in Circum: i Comuni della penisola si uniscono per la sicurezza

circum-vigilantes

PIANO DI SORRENTO. Un servizio di vigilanza privata a spese dei Comuni della penisola da attivare sui treni e nelle stazioni. L’obiettivo è, ovviamente, quello di aumentare la sicurezza dei viaggiatori fornendo un valido supporto all’attività delle forze dell’ordine e dei volontari impegnati in una battaglia costante contro vandali e teppisti.

E’ questa la proposta dei consiglieri comunali di opposizione di Piano di Sorrento Vincenzo e Anna Iaccarino, che ha subito raccolto consensi in casa e fuori. Infatti, il primo a dare il suo assenso è stato il sindaco di Piano, Giovanni Ruggiero, poi da Meta è arrivato l’ok di Giuseppe Tito, secondo cui qualsiasi iniziativa volta alla sicurezza è da sposare ed infine anche il primo cittadino di Sant’Agnello, Piergiorgio Sagristani, ha dato il suo via libera all’iniziativa, dichiarando: “Più sicurezza sui treni della Circumvesuviana ed una maggiore efficienza nel servizio. Si tratta di due priorità sacrosante, ma che gli utenti e gli operatori del settore da tempo si vedono negare. I viaggiatori, – prosegue Sagristani – spesso sono in balia di orari ballerini e di treni soppressi senza il necessario preavviso. A questo si aggiungono episodi di violenza intollerabile ai danni dei lavoratori della Circumvesuviana. Per questi motivi condivido pienamente la mozione presentata dai consilgieri comunali di Piano di Sorrento, Anna Iaccarino e Vincenzo Iaccarino, che punta a promuovere un incontro tra tutte le amministrazioni comunali della penisola sorrentina e l’Eavbus. L’emergenza Circum rende sempre più una necessità non procastinabile la costituzione del Comune Unico”.

Insomma la penisola questa volta pare che non sia più intenzionata a subire, ma abbia deciso di reagire con forza contro un problema che sta mettendo in ginocchio il trasporto pubblico locale e provocando un consistente danno d’immagine.