Al via i lavori del viadotto del Rivo d’Arco che diventerà strada alternativa per Marina d’Aequa

stra-rivo-d'arco-vicoequense

VICO EQUENSE. Avviati gli interventi per rendere transitabile il viadotto del Rivo d’Arco. La decisione è stata assunta nel corso di un summit tenutosi ieri negli uffici della Regione Campania, che ha fatto seguito a un tavolo tecnico che si è svolto in Prefettura alcuni giorni fa e durante il quale si sono confrontati gli amministratori comunali di Vico Equense, i tecnici dell’Anas e i responsabili dei lavori all’impianto di depurazione di Punta Gradelle.

bivio-marina-aequa

L’ipotesi è quella di aprire il tracciato alternativo solo in caso di emergenza, nei giorni di traffico intenso. Da tempo il sindaco Gennaro Cinque ha annunciato la sua posizione a riguardo: il viadotto, fino ad ora rimasto inutilizzato, potrebbe essere modificato e reso percorribile, con l’obiettivo di alleggerire il carico di veicoli che si incrociano sul ponte di Seiano generando rallentamenti e, in alcuni orari, la paralisi completa lungo la Statale Sorrentina.

La strada, al momento, è incompiuta. Originariamente venne finanziata dal commissario straordinario per l’emergenza e destinata esclusivamente a servizio dell’impianto di depurazione di Punta Gradelle. Doveva servire per il passaggio degli autocarri utilizzati per il trasporto del materiale proveniente dai lavori di scavo, ed evitare intralci al traffico. Tali attività sono oramai finite ed il viadotto non è stato ultimato, ma nel giro di qualche giorno potrebbe già essere percorribile.