Una proposta per l’istituzione degli ispettori ambientali

ispettori-ambietali

SORRENTO. L’idea è del consigliere comunale Luigi Di Prisco: istituire gli ispettori ambientali per contrastare gli illeciti legati al ciclo di smaltimento dei rifiuti ed al mancato rispetto dei criteri della raccolta differenziata. La proposta è stata messa nero su bianco ed inviata al sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo e prende spunto dall’approvazione, lo scorso 21 luglio, del Regolamento che disciplina la gestione della spazzatura e punti alla tutela del decoro e dell’igiene ambientale.

“Gli ispettori ambientali – secondo Di Prisco – dovranno avere il compito di fronteggiare i numerosi illeciti che vengono commessi sul territorio”. Al momento si punterebbe ad istituire tali figure solo in via sperimentale, per un periodo di prova limitato nel tempo. Per questo ed anche per non gravare sul bilancio comunale si pensa di utilizzare le figure professionali già presenti nell’organico di Penisolaverde, la società che si occupa dello spazzamento, oltre che di raccolta e smaltimento dei rifiuti a Sorrento.

“Ritengo che la mia istanza – conclude il consigliere Di Prisco -, se accolta favorevolmente, possa innescare un efficace meccanismo di deterrenza, accrescendo sia quantitativamente che qualitativamente i risultati della raccolta differenziata a Sorrento”.