Un progetto per sviluppare il turismo giapponese verso Sorrento

cuomo-giappone

SORRENTO. Incrementare le quote di turismo culturale, dal Giappone verso la penisola sorrentina, anche attraverso la promozione di eventi in grado di calamitare l’interesse dei visitatori nipponici. Sono i temi al centro dei primi due incontri che la delegazione del Comune di Sorrento, guidata dal sindaco Giuseppe Cuomo, ha avuto ieri a Tokyo: il primo, con l’ambasciatore d’Italia in Giappone, Domenico Giorgi, l’altro con il presidente della Japan Foundation, Hyroyasu Ando.

Una missione, quella voluta dal primo cittadino, che si svolge in occasione del quindicesimo anniversario del protocollo di gemellaggio siglato con la città di Kumano. Ricorrenza che cade in coincidenza con i festeggiamenti per i 150 anni del Trattato di Amicizia e di Commercio tra Italia e Giappone.

“L’ambasciatore Giorgi (nella foto in alto con il primo cittadino di Sorrento) ha mostrato grande interesse per le attività che ormai dal 2001 Sorrento promuove nell’ambito del gemellaggio con Kumano, informandosi su dati e cifre che caratterizzano il turismo locale – spiega il sindaco Cuomo -. Ci ha invitati a continuare, sottolineando l’opportunità di trovare nuovi poli di interesse per i turisti che dal Giappone vengono in Italia, oggi rappresentati quasi esclusivamente da Milano, Roma e Firenze. Il nostro obiettivo muove esattamente in questa direzione, puntando a costituire un unico progetto di promozione che metta a sistema la penisola sorrentina con Napoli, Pompei, Ercolano, la costiera amalfitana, evidenziandone le peculiarità e le unicità dal punto di vista dell’offerta culturale. Senza dimenticare i grandi attrattori regionali come la Reggia di Caserta, il museo di Capodimonte e quello Archeologico di Napoli che, in linea con quanto auspicato dal governo, sia nazionale che regionale, possono e devono divenire il motore di un nuovo sviluppo dei nostri territori”.

cuomo-giappone-1

A testimoniare l’interesse suscitato da queste località sui potenziali visitatori giapponesi, il grande successo raccolto dalla mostra “Roman wall painting in Pompeii. La pittura parietale romana a Pompei”, allestita al Mori Arts Center Gallery di Tokyo, dove la delegazione sorrentina si è recata in visita, prima di raggiungere la sede della Japan Foundation, organismo pubblico nato nel 1972 con l’intento di favorire scambi culturali, attraverso sedi attive in tutto il mondo.

Ad accogliere il sindaco Cuomo, il rappresentante dell’Istituto di Cultura Torquato Tasso, Alfonso Paolella, e il responsabile delle relazioni internazionali del Comune di Sorrento, Antonino Fiorentino, è stato il presidente Hyroyasu Ando (nella foto a destra). A lui è stata donata una copia, tradotta in lingua giapponese, della “Gerusalemme Liberata”.

“Al presidente Ando abbiamo chiesto la collaborazione della Fondazione nell’organizzazione della prossima edizione, la settima, del Japan Festival, in programma a Sorrento alla fine del mese di ottobre – sottolinea Cuomo -. Quest’anno vorremo arricchire questo prezioso contenitore con un programma ambizioso ed aspiriamo ad avere al nostro fianco il supporto del più importante istituto di cultura giapponese. Ci auguriamo che quanto richiesto possa concretizzarsi, così da gettare le basi per un grande evento”.

L’agenda della delegazione del Comune di Sorrento prosegue per l’intera settimana con altri incontri istituzionali che si svolgeranno nelle città di Kyoto, Ise-Shima, Osaka e Kumano.