Telegram, la nuova chat che sfida WhatsApp

Telegram

Domenica scorsa, dopo il black-out di WhatsApp, Telgramm, la nuova creazione dei fratelli Durov, raggiunge i cinque milioni di utenti in sole ventiquattro ore, e il boom non accenna ad arrestarsi.

Il successo della nuova App è legato in primo luogo alla garanzia di privacy che il nuovo servizio offre. L’App è infatti blindata, i messaggi sono criptati e possono essere programmati in modo che si auto-distruggano dopo un certo lasso di tempo dalla lettura.

Inoltre i server dell’applicazione sono distribuiti nel mondo per assicurare maggiore velocità e massima sicurezza. Ma non finisce qui. I fratelli Durov hanno anche pensato all’organizzazione “cloud based” dei contenuti, ovvero la possibilità di accedere all’app, da qualsiasi dispositivo, Pc compreso. Senza contare poi che l’applicazione, completamente gratuita, permette di inviare contenuti di qualsiasi dimensione a chat di gruppo, anche segrete, fino a 200 contatti. Un App curata nei minimi dettagli, che risponde a quella esigenza di privacy, richiesta a gran voce dai molti utenti, intimoriti dall’ingresso di Facebook nel mondo della messaggistica istantanea.

Pavel Durev, creatore e finanziatore dell’applicazione, afferma: “Telegram non è pensato per produrre profitti, non venderà mai pubblicità e non accetterà mai investimenti esterni. Non è in vendita. Non stiamo costruendo un database ma un programma di messaggistica per le persone”. Un approccio totalmente diverso rispetto a quello di Zuckerberg che sicuramente non si lascerà battere facilmente.

M.M.

RIPRODUZIONE RISERVATA