Swimming Sorrento, oro a Riccione per Sveva Schiazzano

486011_531249606927166_1342576209_n

SORRENTO. Una piccola favola quella di Sveva Schiazzano che questa mattina nella piscina di Riccione ha vinto la medaglia d’oro ai Campionati Italiani Primaverili Giovanili di nuoto 2013.

Una giornata che era iniziata nel ricordo di Pietro Mennea, “La freccia del sud” che nel lontano 1979 portò l’Italia sul tetto del mondo dell’atletica leggera.

Ma stamane nella piscina comunale di Riccione, che ospita dal 22 al 24 marzo la sezione femminile degli “Italiani” e dal 25 al 27 la maschile, è nata una stella: Sveva Schiazzano.

Nei 50 stile libero la giovane nuotatrice aveva fatto vedere di essere in palla: la sua partenza non è delle migliori (ci lascia circa un paio di decimi), ma il piglio è quello giusto, per intenderci Sveva ha negli occhi la fame che contraddistingue i campioni.

Il ritmo elevato e una buona virata le consentono all’arrivo di essere terza nella sua batteria e, quello che più conta, 13ma assoluta. Il risultato è senz’altro lusinghiero ma, soprattutto, fa trapelare che Sveva c’è e che il meglio deve ancora venire.

Si arriva all’ultima specialità in programma, i 400 stile libero.

Sveva aveva conquistato il quarto posto nelle qualifiche con 4’22.80 a 19 secondi della beneventana Flavia Rea; davanti Elena Gueorguiev e Giorgia Mai, due mostri sacri del nuoto giovanile italiano. Alla partenza l’atleta di Sorrento mostra grande aggressività e conquista il comando con i suoi consueti elevati ritmi di bracciate; la segue come un’ombra Margherita Cordiali, giovane talento di Montebelluna.

Sveva combatte e non molla un centimetro, alla sua fluidità nel gesto si aggiunge oggi l’esecuzione di virate molto energiche che le consentono di tenere alle spalle la rivale. Negli ultimi 50 metri Sveva va come il vento e conquista il suo primo titolo italiano con 18 centesimi di vantaggio sulla veneta; tempo 4’18,99, circa 4 secondi al di sotto del suo personale. Poi le altre, incredibilmente staccate di alcuni secondi.

L’emozione a fine gara è immensa per Marco Veno roboante guida della Swimming Sorrento. Sugli spalti le ragazze della staffetta e tutti gli altri al seguito festeggiano dispiegando uno striscione propiziatorio: “una spinta in più”, il motto dello Swimming Sorrento che oggi sale sul tetto d’Italia grazie a Sveva Schiazzano.