Sorrento e Taurasi, gemellaggio nel segno del Tasso

cuomo-cozzolino

SORRENTO. C’è anche il castello di Taurasi, nell’avellinese, al tempo proprietà del “principe madrigalista” Carlo Gesualdo, tra i luoghi dove soggiornò nei suoi continui viaggi Torquato Tasso. Ed è proprio nel nome del poeta che ebbe i natali a Sorrento che è stato avviato un protocollo di intesa tra il Comune della penisola e quello di Taurasi, per la stipula di un gemellaggio tra le due località campane. L’una famosa per le sue bellezze paesaggistiche, che attirano ogni anno tre milioni di turisti, l’altra legata ad una produzione vitivinicola di qualità, con il pluripremiato Taurasi Docg e ad un borgo medievale tra i meglio conservati della Regione.

L’incontro tra il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, ed il suo omologo di Taurasi, Tommaso Cozzolino, si è tenuto nella sala del Consiglio comunale della cittadina irpina, alla presenza di numerosi amministratori locali e di una rappresentanza dei 16 produttori di vino taurasini.

“Siamo lieti di accogliere nella casa municipale la delegazione del Comune di Sorrento – ha sottolineato il sindaco Cozzolino -. L’obiettivo è quello di creare una sinergia tra le nostre città, così distanti tra loro per storia e tradizioni, ma accomunate nel segno di Torquato Tasso. Ed è proprio l’elemento culturale che deve fare da collante nelle iniziative che ci auguriamo che di qui a poco saranno avviate tra le nostre realtà”.

“Il 2017 sarà l’Anno Tassiano e Sorrento si sta preparando da tempo a celebrare degnamente il suo più illustre concittadino – ha dichiarato il sindaco Cuomo -. La nostra proposta sarà anche quella di promuovere attività legate a tutti i i luoghi visitati dal Tasso, compresa Taurasi. Qui, con l’aiuto di imprenditori turistici e ristoratori di Sorrento e delle altre località della penisola sorrentina, potremmo avviare un interessante percorso turistico, per invitare visitatori e cittadini a venire e scoprire questi splendidi luoghi. Per trascorrere una giornata tra cantine e degustazioni o magari in occasione della vendemmia e dei numerosi eventi promossi dalla locale amministrazione comunale”.