Sabato l’ultima corsa dell’atleta sorrentino Giovanni Ruggiero

ruggiero_giovanni_

SORRENTO. Si chiude sabato 11 ottobre a Trento (Giro Internazionale città di Trento) la carriera agonistica di Giovanni Ruggiero, probabilmente l’atleta sorrentino (nato a Sorrento il 19/01/1974) più rappresentativo di sempre.

Una carriera iniziata a scuola media, la Bernardino Rota, e la partecipazione alle finali nazionali di corsa campestre a Messina, dove i ragazzi guidati dal prof. Rino Fattorusso conquistarono il 4° posto a squadre.
I successi nelle categorie giovanili lì ha ottenuti per i colori della Libertas Atletica Sorrento guidata dal presidente Guido Paternò. In molti ancora ricordano la vittoria più importante con i colori sorrentini: il titolo italiano di mezza maratona juniores conquistato proprio a Sorrento nel 1993.

giovanni-rugDal 1994 ha vestito i colori della Guardia Forestale di Stato. Si sono succeduti anni di successi, ma anche di tante sofferenze, con diversi infortuni e due operazioni al ginocchio, nel 2000 e 2003. In totale ha vestito 8 volte la maglia della nazionale assoluta, conquistando sempre nella maratona tre coppe del mondo a squadre, la prima ad Atene sul mitico percorso con partenza dalla Città di Maratona nel 1995 e l’ultima nel 2001 ad Edmonton in Canada ed una Coppa Europa a Budapest nel 1998. A livello individuale brillano la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo a Bari nel 1997 ed il 7° posto nel 1998 sempre agli Europei di Budapest.

Nel suo palmares Ruggiero può vantare due vittorie in maratone internazionali, la più importante a Napoli nel 2001 con il suo primato personale di 2H09’53”.
Si apre ora un’altra fase della vita di Giovanni, che non lo vedrà comunque lontano dallo sport. In famiglia oltre alla figlia Giorgia, dovrà seguire la moglie Deborah Toniolo, anch’ella maratoneta, fresca vincitrice del titolo Europeo di maratona a squadre ai Campionati Europei di Zurigo.
A livello lavorativo, attualmente è impiegato nel Comando Regionale del Corpo Forestale dello Stato, diretto dal generale Sergio Costa, impegnato in tante azioni a tutela dell’ambiente e del territorio.