Questione scrutatori: Salvati replica ad Orlando

Salvati3

L’ex presidente del consiglio comunale, risponde al primo cittadino uscente, dopo le accuse in merito alle nomine degli scrutatori. “La sua amministrazione – ha dichiarato in un lungo comunicato, Salvati – ha affidato diversi incarichi diretti, per importi annui superiori a 12mila euro, senza uno straccio di concorso o di gare, ai cosiddetti amici degli amici”.

Un botta e risposta che accende ancora di più la delicata situazione politica di Sant’Agnello in vista delle elezioni della prossima primavera. “Voler paragonare la vicenda degli scrutatori, – ha proseguito -, dove tra l’altro, da diverso tempo, ci si regola in questo modo, così come in buona parte dei Comuni della penisola, a situazioni ben più gravi come quelle descritte, mi sembra un modo per distogliere l’attenzione della popolazione dalle colpe della sua amministrazione”.

Il botta e risposta continua, insomma, in attesa che siano gli elettori a sancire chi dovrà guidare la città per il prossimo quinquennio.