Niente tutto esaurito negli alberghi della penisola per Pasqua, ora si spera nei ponti di fine mese

sorrento

SORRENTO. Il perdurare della crisi economica e le incerte condizioni meteo hanno condizionato arrivi e presenze per le festività pasquali nelle strutture ricettive della penisola sorrentina. A rilento i soggiorni di turisti italiani e non arrivano numeri incoraggianti nemmeno dal last minute. “Non sono dati sconfortanti – spiega il tour-operator Gino Acampora -, tuttavia, la ricorrenza a fine aprile poteva lasciar prevedere un movimento turistico verso Sorrento vicino al tutto esaurito”. A limitare gli arrivi è anche l’approssimarsi di altre due opportunità offerte dal calendario per godersi qualche giorno di relax, come i ponti del prossimo weekend per la festività del 25 aprile e quello legato al primo maggio. “Proprio per questa data – aggiunge Acampora – prevediamo una forte affluenza”.

Sorrento punta molto sulla cultura in questo primo scorcio di stagione. Una serie di appuntamenti tra mostre e concerti. Oggi a Villa Fiorentino chiude l’esposizione dedicata a Mario Sironi, mentre prosegue fino a domenica prossima la rassegna “Passione d’arte” al chiostro di San Francesco, nelle chiese di Santa Maria della Pietà, dell’Addolorata e di San Paolo, allestita con le opere di artisti e artigiani che hanno contribuito alla valorizzazione di una intensa produzione sul tema della Pasqua. Una dedica particolare per il maestro Michele Di Maio, con la mostra ospitata nella chiesa di San Paolo, che spazia tra quadri, disegni e intarsi.

Pasqua in musica, inoltre, questa sera alle ore 19.30 nella sala consiliare del Comune, con il concerto per mandolino e orchestra a plettro con l’orchestra diretta dal maestro Edoardo Converso e la voce di Rosemarie Converso.