Capri Watch, fashion accessories

Musica etnica e percorsi naturalistici a Massa Lubrense

duo-bottasso

MASSA LUBRENSE. Il Festival Internazionale della Musica Etnica coinvolge più comuni attraverso un percorso di rivalorizzazione del territorio non solo con concerti unici nell’attuale panorama della musica dal vivo in Italia di cui molti dedicati ad artisti internazionali, ma anche grazie ad itinerari naturalistici, visite ai siti storici, degustazioni di prodotti tipici, convegni, seminari, visite guidate ai siti archeologici e ad altri luoghi di particolare interesse turistico.

L’evento, giunto alla sua XXIIII edizione, con la direzione artistica di Gigi Di Luca, è totalmente finanziato dalla Regione Campania farà tappa anche quest’anno a Massa Lubrense. L’appuntamento è in programma il prossimo 28 settembre alle ore 18 presso il Belvedere dell’Annunziata con il concerto del Duo Bottasso e Simone Sims Longo.

Grande la soddisfazione per l’amministrazione comunale del Comune costiero ed in particolare per l’assessore al Turismo ed Eventi Giovanna Staiano che ha creduto sin dall’inizio in questa iniziativa.

“Rientrare, anche quest’anno nel Festival Internazionale della Musica Etnica – afferma Staiano – costituisce una grande opportunità per Massa Lubrense, in quanto è un progetto di grande spessore culturale e di notevole valenza turistica che coinvolge numerosi comuni in un unico percorso, che in un periodo di bassa stagione garantisce l’allungamento della permanenza media dei flussi turistici sul territorio.

La musica ancora una volta costituisce uno strumento di conoscenza del territorio, difatti è in programmazione prima del concerto, una escursione (partenza ore 16 da piazza Ludovico da Casoria) organizzata in collaborazione con la Pro Loco Due Golfi inserita nel Trekking Fest attualmente in corso con diversi appuntamenti. Il Festival si propone di creare un ponte tra la tradizione e la contemporaneità dell’arte con uno sguardo attento alle problematiche delle migrazioni, delle integrazioni e del Mediterraneo. Un evento certamente da non perdere”.