“Monete rare”, la cara vecchia Lira può valere una fortuna

Lira100

La cara Lira non solo ci manca, ma è diventata anche rara. Infatti ci sono svariate monete che se sono, “in Fdc”, ovvero “Fior di conio” vale a dire moneta che non presenta segni, possono valere svariate migliaia di euro.

 

Già, perché graffi, solchi e usura compromettono significativamente il valore di un esemplare per gli appassionati del genere.

È il caso delle 100 lire coniate dell’anno 1955 e delle 50 lire dell’anno 1958. Le prime non sono particolarmente rare (ne furono tirate circa 8,6 milioni). Tuttavia gli esemplari appunto “in fior di conio” possono veder schizzare il prezzo fino a 1.200 euro. Non male per un cento lire di poco meno di sessant’anni fa.

Stesso discorso  per le monete da 50 lire che riportano la data del 1958. Ne furono stampati e diffusi 825.000 esemplari e tuttavia di questi non se ne trovano molti in giro. Dunque una 50 lire del 1958 può variare tantissimo il suo valore e passare dai 20 euro per un esemplare usurato ai 2.000 euro per quelle in perfetto stato di conservazione. E ancora: ci sono le 10 lire dell’anno 1954. Coniate in oltre 95 milioni di esemplari, valgono 70 euro ognuna al massimo, sempre stante una perfetta conservazione. Poi ci sono le 5 lire del 1956: queste sono sicuramente più rare. Ne furono messi in circolazione dalla Zecca solamente 400mila esemplari e possono valere un minimo di 50 e un massimo di 1.500 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA