Il Comune di Sorrento contro il trattato Europa-Usa

comune-sorrento

SORRENTO. La Giunta municipale ha approvato una delibera con la quale si impegna ad attuare azioni di sensibilizzazione contro il Ttip, il Partnerariato Trans-Atlantico su Commercio e Investimenti, in corso di negoziazione tra Commissione Europea e governo degli Stati Uniti d’America.

Il testo, su proposta dell’assessore al Commercio e alle Attività produttive, Massimo Coppola, stabilisce che saranno intraprese dal Comune costiero “azioni di pressione volte a promuovere il ritiro da parte del governo italiano, nell’ambito del Consiglio Europeo, del Trattato e, in subordine, alla sua non approvazione da parte del Parlamento Europeo”. Presso i cittadini di Sorrento, e presso tutti gli altri enti locali, verranno promosse “azioni di sensibilizzazione e mobilitazione contro il Ttip”.

Dopo l’approvazione in Giunta, il testo della delibera sarà sottoposto anche all’attenzione del Consiglio comunale, chiamato a formulare analogo atto d’indirizzo.

“Poi invieremo gli atti di Giunta e di Consiglio comunale all’Anci, al Consiglio regionale, al Consiglio dei Ministri, al Parlamento italiano ed europeo ed alla Commissione Europea – dichiara l’assessore Massimo Coppola -. Questo trattato lede, tra gli altri, il principio costituzionale della sovranità delle autonomie locali, e può favorire fenomeni di speculazione indiscriminata perché causerà una deregolatiun nel mondo dell’alimentazione, abbattendo tutti i dazi e le dogane tra Europa e Stati Uniti”.

“E’ un attentato contro chi produce prodotti di qualità e di eccellenza nel nostro territorio – conclude Coppola -. Proprio per questo, tra i primi soggetti che abbiamo coinvolto nella nostra protesta, c’è il Presidio Slow Food della Costiera Sorrentina e di Capri”.