Domani l’inaugurazione della nuova galleria Seiano-Pozzano

tunnel-santa-maria-pozzano

VICO EQUENSE. Da domani sarà percorribile la galleria Seiano-Pozzano, variante al vecchio tracciato della Statale 145. Inaugurazione del tracciato che arriva dopo 32 anni dalla progettazione ed un investimento complessivo di 115 milioni di euro. Il percorso di quella che è stata ribattezzata galleria “Santa Maria di Pozzano” si sviluppa attraverso l’assemblaggio di quattro tunnel in un unico blocco, tra Castellammare e Vico Equense, per un totale di 5 chilometri e 137 metri.

Domani mattina, alle 11, quindi, si terrà una cerimonia in prefettura ed un collegamento in videoconferenza con l’imbocco del tunnel dal versante stabiese di Pozzano, con immagini in diretta sul nuovo itinerario che sbuca sul ponte di Seiano. Interverranno il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Edoardo Cosenza, il prefetto di Napoli, Francesco Antonio Musolino, il presidente della Provincia di Napoli, Antonio Pentangelo, i sindaci di Castellammare e Vico Equense, Nicola Cuomo e Gennaro Cinque, il presidente ed il capo compartimento Anas per la Campania, Pietro Ciucci ed Eugenio Gebbia.

Questa sera è previsto l’ultimo stop al transito dei veicoli in galleria (il traffico sarà deviato attraverso il centro abitato di Vico Equense) per completare il collegamento tra il nuovo e il vecchio tracciato.

La realizzazione della variante in galleria alla Statale Sorrentina ha comportato, in questa seconda fase, un investimento di 75 milioni di euro, di cui circa 60 per la realizzazione dei moderni sistemi di prevenzione, ai quali bisogna aggiungere gli 40 milioni di euro impegnati nella prima fase delle opere sospese nel 1996. Il progetto, rielaborato nel 2005 secondo le nuove norme di sicurezza stradale, è stato realizzato con piazzole di sosta e di emergenza ogni 600 metri e postazioni sos ogni 500 metri, impianti all’avanguardia, da quelli antincendio all’illuminazione, alla videosorveglianza, alla mega centrale di aerazione, al sofisticato sistema di controllo del traffico lungo il tracciato.

La nuova galleria “Santa Maria di Pozzano” doveva garantire, già negli anni Novanta, l’aggiramento dei blocchi del traffico che si verificano lungo la Statale Sorrentina. Ma una serie di problemi economici e burocratici ha comportato il continuo rinvio dell’apertura del tracciato. Il progetto, circoscritto al tratto compreso tra i km 11+600 e 14+000, ideato già negli anni Settanta, fu pianificato nel 1982 con appositi finanziamenti statali, sulla scia dell’apertura della galleria di Seiano e in prospettiva della realizzazione dei tunnel di Privati e Varano.

In oltre trent’anni, l’opera ha subito una lunga serie di sospensioni e nel 1996 i lavori furono bloccati per problemi sollevati dalle società Circumvesuviana e Scrajo Terme per tutelare la vicina galleria ferroviaria e le sorgenti termali. Dopo una lunga querelle giudiziaria, il cantiere riaprì tra il 2005 e il 2006, con un cronoprogramma di circa tre anni di lavori. Ulteriori problemi tecnici e burocratici fecero slittare i tempi di ultimazione al 2010. Poi, altre scadenze non onorate: fine 2011, ottobre o dicembre 2013. Nel mese di giugno dell’anno scorso l’ultimo stop che ha allungato ulteriormente i tempi di apertura, determinato dal blocco dei pagamenti per la crisi finanziaria che ha interessato la società Impresa Spa, esecutrice delle opere civili nell’ambito dell’Ati aggiudicataria dei lavori.

La svolta è arrivata lo scorso autunno con la ripresa delle opere e la conclusione degli impianti. Ma la nuova struttura non allontanerà l’incubo ingorghi della Statale Sorrentina che continueranno a concentrarsi, soprattutto nel periodo estivo, nell’imbuto tra l’uscita della galleria sul ponte di Seiano ed il bivio per Marina d’Aequa.