Cuomo, è scontro con la Regione per avere due comprensivi, intanto per la Vittorio Veneto ci vorrà ancora tempo

cuomomamme1

SORRENTO. E’ quanto emerso dalla riunione che si è tenuta oggi pomeriggio al Comune di Sorrento, dove il sindaco, Giuseppe Cuomo, dinanzi ad una platea di mamme, maestre e rappresentanti di classe, ha fatto il punto sulla situazione delle scuole di Sorrento.

“La Regione Campania nonostante la nostra richiesta di avere due istituti comprensivi in città, ha deciso di concedercene uno solo – spiega il primo cittadino -. Insieme ai tecnici del Comune stiamo valutando la possibilità di fare ricorso, ma non sappiamo se questo verrà accolto. Riguardo alla Vittorio Veneto – continua Cuomo – i lavori inizieranno tra un mese e mezzo, quando il Genio Civile ci darà il via libera. Dal momento in cui partiranno la ditta ci ha assicurato che ci vorranno 180 giorni lavorativi per completare l’opera”. Insomma bisognerà attendere il 2014 per riavere la scuola.

In più il sindaco ha spiegato che oltre ai lavori ai solai pericolanti, verrà rimossa anche la canaletta dell’acqua piovana, posizionata sul tetto dell’edificio, perché fatta interamente in eternit.

Un sindaco palesemente provato dal faccia a faccia con le mamme esasperate, perché come hanno spiegato le maestre la situazione è diventata praticamente insostenibile. “Mancano gli spazi, è difficile lavorare in queste condizioni” è l’allarme dei docenti, stanchi di una vicenda che va avanti da tre anni.

“Credo che fare polemiche a questo punto non serva – ha concluso il sindaco Cuomo -, noi stiamo lavorando per risolvere quanto prima questo problema, ma senza il plesso della Vittorio Veneto dovremo fare ancora dei sacrifici”.

Prima di darsi appuntamento al prossimo summit i genitori hanno fatto presente al primo cittadino alcune situazioni di massima urgenza da risolvere, per garantire almeno la sicurezza dei plessi superaffollati: Il cancello che consente l’accesso alla palestra dell’Angelina Lauro è spesso chiuso e il bidello non ha le chiavi. In caso di evacuazione questo potrebbe causare non pochi problemi. Le rampe esterne gocciolano a causa di un’infiltrazione, la tettoia esterna è troppo piccola, e quando piove le mamme con gli ombrelli si accalcano in prossimità dell’ingresso, e spesso qualcuno dei bambini resta sotto l’acqua ad aspettare e tanto, tanto altro.