Capri Watch, fashion accessories

Consegnate le borse di studio delle Amiche del Museo Correale agli studenti del “Grandi”

borse-di-studio-amiche-museo-correale

SORRENTO. Anche quest’anno l’associazione Amiche del Museo Correale ha avuto il piacere di premiare gli alunni del liceo artistico “Francesco Grandi”. È consuetudine dall’anno 2014, su proposta dell’allora presidente Anna Imperato, scegliere due alunni meritevoli per l’assegnazione di due borse di studio del valore complessivo di mille euro. E ieri, venerdì 14 giugno, la consegna presso il liceo Grandi, alla presenza degli insegnanti e della dirigente Daniela Denaro.

Il concorso per le borse di studio prevedeva che gli studenti realizzassero dei progetti che avessero come perno il Museo Correale. Ne sono scaturite tante bellissime idee: Calendari, borse, segnalibri, anche un bancone per un eventuale book shop. Oggetto e soggetto è stato il Museo. I ragazzi si sono recati più volte nelle sale, hanno esaminato la facciata, i dettagli, tutto ciò è stato fonte di ispirazione.

Chiaramente la finalità delle Amiche è soprattutto quella di far conoscere, vivere, respirare le sale di questo piccolo gioiello. E attraverso il progetto delle borse di studio, tanti alunni, appartenenti a diverse sezioni, hanno “respirato” arte, traducendo nel concreto ciò che è la loro scelta di studi, forse di vita.

Il progetto delle borse di studio si va ad aggiungere ad un’altra iniziativa che ha visto protagoniste alcune classi, sempre del Liceo Grandi, che nel mese di novembre e dicembre 2018 hanno potuto assistere al restauro che le Amiche del Museo hanno finanziato: la tavola La Pietà, del ‘400, attribuita alla scuola di Giovanni da Gaeta. La restauratrice Alessandra Cacace ha pazientemente mostrato le tecniche di restauro utilizzate in quella sede e soprattutto ha fatto vivere ai ragazzi l’amore per l’arte.

“Due momenti – fanno sapere dall’associazione – per noi molto importanti, perché dimostrano concretamente quanto i giovani siano assetati di sapere, di stimoli e occasioni per apprendere”.