A Vico Equense tornano le “Pacchianelle”

pacchianelle

VICO EQUENSE. Un connubio tra fede e folklore che si ripropone annualmente da oltre un secolo. È il corteo della “Pacchianelle” di Vico Equense. L’appuntamento è per domenica prossima, giorno dell’Epifania, alle 14 e 30.

 

 

I trecento figuranti si ritroveranno al convento dei Padri Minimi di San Vito per poi sfilare per il tipico presepe itinerante attraverso le strade cittadine. Tutti rigorosamente abbigliati con i costumi tradizionali del settecento. Il rito delle “Pacchianelle” ebbe inizio nel 1909, quando nel giorno dell’Epifania il frate Pasquale Somma dell’Ordine dei Minimi di San Francesco di Paola, decise di vestire da contadine otto bambine che portavano in dono al Bambinello frutti di stagione e prodotti tipici della zona. Le ragazzine vennero chiamate “Pacchianelle” termine che indicava le giovani contadine. Al corteo nel corso dei decenni si sono aggiunti, oltre alla Sacra Famiglia, anche gli altri tipici personaggi della tradizione presepiale napoletana.

Dalla frazione di San Vito, attraverso via Raffaele Bosco, i partecipanti alla sfilata raggiungeranno il centro di Vico Equense attraverso un itinerario che quest’anno tornerà a comprendere il passaggio per il viale della Rimembranza. Ad aprire il corteo sarà una coppia di zampognari seguiti dal “mazziere” e dai figuranti in abito pastorale. I Re Magi avranno al seguito numerosi servitori e porteranno i tradizionali doni. Insieme a loro decine di Pacchianelle e Pacchiane ed anche tanti pastori sfileranno per portare al Bambinello i prodotti tipici della costiera. La Sacra Famiglia si troverà al centro del corteo con Gesù Bambino portato a spalla, in un tronetto, da pescatori che sfileranno a piedi nudi, mentre gli zampognari suoneranno le loro classiche nenie.

Novità di questa edizione il gruppo di angeli, posizionato vicino alla Sacra Famiglia, che nell’anno della Fede, voluto da Papa Benedetto XVI, recheranno i simboli della tradizione cattolica. L’organizzazione della sfilata è curata dall’Associazione “Amici delle Pacchianelle” e dai Padri Minimi di San Vito con il patrocinio del Comune e dell’Azienda di Turismo di Vico Equense e dell’Istituto Banco di Napoli-Fondazione.