Al teatro Tasso di Sorrento “Il suono dei luoghi” con Emanuela Bianchini e Lucariello

suono-dei-luighi-sorrento

SORRENTO. “Il suono dei luoghi” è il titolo dell’appuntamento che sabato 24 marzo, alle ore 19, al teatro Tasso di Sorrento, chiuderà il sipario sulla rassegna “Sorrento Incontra – M’Illumino d’inverno”. Lo spettacolo, frutto della contaminazione di parole, musica e danza, è una coproduzione di Crdl, Arealive e del Sorrento Incontra Lab, il centro di produzione multidisciplinare che, dopo la registrazione del doppio disco live di James Senese in occasione dei 50 anni di carriera e della messa in scena “Danze dal Mare 3.0”, presentato anche al Queens Museum di New York, realizza un altro prodotto artistico all’insegna dell’originalità. La regia e coreografie sono a cura di Mvula Sungani, le musiche di Lucariello, i testi di Antonino Giammarino ed i costumi di Giuseppe Tramontano.

Sul palco l’etoile Emanuela Bianchini, con i solisti della Ms Physical Dance, affiancheranno l’attore sorrentino Nino Lauro e il rapper Lucariello. L’artista, che ha collaborato con Almamegretta, Ciccio Merolla ed altri grandi nomi della musica italiana, si farà ispirare dal suo nuovo lavoro discografico, “Il Vangelo secondo Luca”, un viaggio in versi tra spiritualità e gangsta rap che contiene, tra l’altro, due brani presenti nella soundtrack della terza serie di Gomorra. Una regia teatrale rarefatta, unitamente al suggestivo gioco di luci ed alla physical dance che darà tridimensionalità a versi ora sincopati, ora riflessivi, racconterà le vicende ed i sogni che animano le strade ed i vicoli che si affacciano sul Golfo di Napoli.

Il festival “Sorrento Incontra – M’Illumino d’inverno”, con la direzione artistica di Mvula Sungani, si è aperto il 25 novembre scorso, con un ciclo di 18 appuntamenti, ospitati nei luoghi più significativi e suggestivi della città del Tasso. La rassegna è stata promossa dal Comune di Sorrento, guidato dal sindaco Giuseppe Cuomo, ed organizzata da Arealive, in collaborazione con la Fondazione Sorrento e la Federalberghi Penisola Sorrentina.