Una rete per il monitoraggio dei campi elettromagnetici a Sant’Agnello

ripetitore-telefonico.sorrento

SANT’AGNELLO. Prevenire i danni per la salute dei cittadini e garantire la tutela dell’ecosistema. Sono gli obiettivi dell’iniziativa dell’amministrazione comunale di Sant’Agnello che ha deciso di dare il via libera all’installazione di centraline per il monitoraggio dei campi elettromagnetici.

Operazione che, come si legge nel provvedimento del funzionario preposto, si basa sul presupposto che “il rischio del proliferare incontrollato di impianti per la telefonia impone di pianificare e razionalizzare in modo da rendere sostenibile lo sviluppo delle reti di telecomunicazione in tutti i contesti ed in modo da garantire la tutela dei cittadini e dell’ambiente attraverso l’applicazione del principio di sostenibilità”.

L’amministrazione del sindaco Piergiorgio Sagristani, quindi, ha stabilito che, prima di dare l’autorizzazione all’installazione di nuovi impianti per la telefonia mobile è indispensabile “individuare i livelli di esposizione elettromagnetica sul territorio comunale”.

Ciò avverrà attraverso la sistemazione da parte di aziende specializzate di centraline per la misurazione delle emissioni. Intervento che avrà la durata di 90 giorni e non comporterà spese per il Comune, come già hanno anticipato alcune società del settore che hanno proposto agli uffici di piazza Matteotti il servizio in questione.

Ora bisognerà attendere che vengano formalizzate le proposte, dopodiché saranno installate le apparecchiature per le verifiche dei campi elettromagnetici presenti sul territorio comunale. L’amministrazione si impegna affinché i dati raccolti siano poi resi pubblici.