Una petizione per far nascere il Parco Giò Antonetti

SORRENTO. Una giardino incantato al posto del parcheggio. E’ l’obiettivo dell’iniziativa che è in programma domenica prossima, 7 febbraio, dalle 17 alle 21 presso il Circolo dei Forestieri di Sorrento. Gli organizzatori puntano a sensibilizzare l’opinione pubblica verso una maggiore attenzione per l’ambiente. Come? Piantando alberi nell’area dove stava per sorgere l’ennesimo parcheggio.

Il comitato che si prefigge di far nascere il Parco Giò Antonetti, auspica di realizzare il progetto di piantare alberi di aranci, limoni, noci ed ulivi nell’area di vico Rota dove si lavorava per edificare una nuova autorimessa, con l’attività del cantiere sospesa dopo l’intervento della procura della Repubblica di Torre Annunziata che ha sequestrato il fondo. Nei giorni scorsi sono arrivate le condanne per gli esecutori delle opere che, comunque, avevano avuto il tempo di distruggere l’agrumeto preesistente.

Ora, quindi, si spera di poter recuperare l’area, facendola diventare un giardino e, come affermano gli organizzatori della raccolta di firme, “regalare un verde futuro ai nostri figli”. Il tutto nel nome di Giò Giò Antonetti, il giovane avvocato scomparso prematuramente che, con le sue denunce, accese i riflettori sul proliferare dei cantieri per parcheggi in penisola sorrentina, a discapito del verde.